La Corte Suprema esaminerà un caso che potrebbe ribaltare le accuse di sommossa del Campidoglio contro centinaia di persone, tra cui Trump – World News

La Corte Suprema esaminerà un caso che potrebbe ribaltare le accuse di sommossa del Campidoglio contro centinaia di persone, tra cui Trump – World News

Mercoledì la Corte Suprema degli Stati Uniti ha dichiarato che esaminerà un appello che potrebbe respingere centinaia di accuse derivanti dalla rivolta del Campidoglio, inclusa quella contro l’ex presidente Donald Trump.

I giudici esamineranno la sentenza d’appello che ha rilanciato le accuse contro tre imputati accusati di aver ostacolato un procedimento ufficiale. L’accusa si riferisce all’interruzione della certificazione del Congresso della vittoria di Joe Biden nelle elezioni presidenziali del 2020 su Trump.

Queste sono alcune delle quattro accuse mosse contro Trump nel caso del procuratore speciale Jack Smith, che accusa il candidato repubblicano alle primarie presidenziali del 2024 di aver cospirato per ribaltare i risultati della sua sconfitta elettorale. Trump è anche accusato di aver cospirato per ostacolare un procedimento ufficiale.

La decisione della corte di pronunciarsi sull’accusa di ostruzione potrebbe mettere a repentaglio l’inizio del processo contro Trump, attualmente previsto per il 4 marzo. I giudici stanno valutando separatamente se pronunciarsi rapidamente sull’affermazione di Trump secondo cui non può essere citato in giudizio per azioni intraprese nell’ambito del suo ruolo di presidente. Presidente. Un giudice federale ha già respinto questa argomentazione.

Più di 300 imputati sono stati accusati di ostruzione al massiccio processo federale seguito all’insurrezione mortale del 6 gennaio 2021, quando una folla di sostenitori di Trump ha preso d’assalto il Campidoglio nel tentativo di impedire a Biden, un democratico, di impadronirsi della Casa Bianca. una casa.

Il giudice del tribunale di primo grado aveva respinto le accuse contro tre imputati, ritenendo che non coprissero la loro condotta.

Il giudice distrettuale americano Carl Nichols ha scoperto che i pubblici ministeri hanno esteso la legge oltre la sua portata per applicarla in modo inappropriato in questi casi. Nichols ha stabilito che l’imputato deve aver intrapreso “qualche azione in relazione a un documento, un registro o altro” per ostacolare i procedimenti formali previsti dalla legge.

READ  Il funzionario dell'istruzione fornisce informazioni dettagliate sul processo di chiusura delle scuole legato alle condizioni meteorologiche

Il Dipartimento di Giustizia ha presentato ricorso contro tale sentenza e la Corte d’Appello di Washington ha concordato con i pubblici ministeri in aprile che l’interpretazione della legge data da Nichols era troppo limitata.

Altri imputati, incluso Trump, contestano separatamente l’uso dell’accusa.

Uno degli imputati, Garrett Miller, si è dichiarato colpevole di altre accuse ed è stato condannato a 38 mesi di prigione. Miller, che viene dalla zona di Dallas, potrebbe ancora essere processato con l’accusa di ostruzione. Gli altri due imputati erano Joseph Fisher, di Boston, e Edward Jacob Lange, della Hudson Valley a New York.

Più di 1.200 persone sono state accusate di crimini federali derivanti dalle rivolte e più di 650 imputati si sono dichiarati colpevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *