La Cina non ha ancora aiutato la Russia a eludere le sanzioni occidentali ufficiali degli Stati Uniti

Una bandiera cinese sventola fuori dal Ministero degli Esteri cinese a Pechino, Cina, 24 febbraio 2022. REUTERS/Carlos Garcia Rollins

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

WASHINGTON (Reuters) – La Cina finora non sta aiutando la Russia a eludere le sanzioni finanziarie occidentali nei confronti di Mosca per l’invasione dell’Ucraina, ha affermato un alto funzionario dell’amministrazione Biden, ma ciò sarebbe “danno profondo” alla reputazione della Cina. Il sabato.

“Le ultime indicazioni sono che la Cina non sarà salvata”, ha detto il funzionario ai giornalisti dopo aver annunciato che gli Stati Uniti e i loro alleati avevano concordato di imporre sanzioni alla Banca centrale russa e tagliare le principali banche russe dalla rete Swift per la finanza internazionale transazioni.

Il funzionario ha affermato che i recenti rapporti secondo cui alcune banche cinesi hanno smesso di emettere lettere di credito per l’acquisto di beni fisici dalla Russia sono stati un segnale positivo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ciò “indica che la Cina tende a rispettare la forza delle sanzioni statunitensi, come ha fatto per anni e anni”, ha aggiunto il funzionario.

La Cina è il più grande partner commerciale della Russia sia nelle esportazioni che nelle importazioni, acquistando un terzo delle esportazioni russe di petrolio greggio nel 2020 e fornendo prodotti fabbricati da telefoni cellulari e computer a giocattoli e abbigliamento.

Le relazioni commerciali tra Cina e Russia sono cresciute in modo significativo dal 2014, quando l’Occidente ha imposto per la prima volta sanzioni alle entità russe per l’annessione della Crimea da parte di Mosca. L1N2UX36S

READ  La Nuova Scozia è sommersa da una forte tempesta invernale
Grafica Reuters

Parte di questi scambi sono condotti in yuan cinese, che tecnicamente potrebbe derivare da sanzioni volte a escludere la Russia dalle transazioni in dollari USA, euro, sterline britanniche e altre principali valute.

Ma le banche cinesi che fanno affari con banche russe e altre entità soggette a sanzioni di embargo totale e sono nell’elenco del Tesoro di “cittadini appositamente designati” potrebbero subire le stesse sanzioni e la perdita di accesso al sistema finanziario statunitense.

Se la Cina aiutasse la Russia a eludere le sanzioni statunitensi, ha affermato il funzionario, “sarebbe davvero un segnale sfortunato per la visione del mondo della Cina” e darebbe “un’accettazione tacita o esplicita dell’invasione russa di uno stato sovrano nel cuore dell’Europa”.

“Danneggerebbe gravemente la sua reputazione in Europa, ma in tutto il mondo”, ha affermato il funzionario per la Cina.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Steve Holland e Daphne Psalidakis; Montaggio di Cynthia Osterman

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.