Kieran Crowley: Sarebbe una bella striscia nella sabbia per noi

Kieran Crowley ha affrontato una sfida formidabile trasformando la squadra di rugby italiana in difficoltà dal momento in cui è subentrato a maggio, ma da allora non lo ha aiutato a cambiare le cose.

Kieran Crowley mentre era alla Benetton
Foto: riprese

Il 60enne è stato nominato due mesi dopo che gli Azzurri hanno perso ciascuna delle loro partite del Campionato Sei Nazioni per il sesto anno consecutivo.

Ma la cancellazione del tour di quest’anno in Nuova Zelanda, il suo nativo Crowley, significa che guiderà la sua nuova squadra per la prima volta questo fine settimana, quando la squadra più importante del mondo, gli All Blacks, visiterà Roma. È l’aspetto più terrificante che si possa immaginare.

Sarebbe una bella striscia sulla sabbia per noi, vedere come li combattiamo”, ha detto Crowley.

La Nuova Zelanda ha vinto il campionato di rugby a settembre e ha giocato 12 partite di test, l’ultima delle quali con una vittoria per 54-16 in Galles lo scorso fine settimana, da quando gli italiani sono arrivati ​​quattordici in campo.

Ma Crowley di fronte alla sua terra natale, con la quale ha vinto la Coppa del Mondo nel 1987 da giocatore prima di passare ad allenare l’Under 19, non è una novità dopo un periodo di otto anni con il Canada dal 2008-16.

“Ci sono passato prima, ho allenato il Canada ai Mondiali e abbiamo giocato contro la Nuova Zelanda”, ha detto, riferendosi alla sconfitta per 79-15 nel 2011.

“E’ sicuramente una partita difficile. Guardi la loro ultima partita contro il Galles. Non credo che il Galles abbia giocato male, ma ha comunque segnato 54 punti contro di loro. Sono una grande squadra con un grande livello, non importa chi ci hanno messo».

READ  Rafael Nadal e Novak Djokovic nei quarti di finale dell'Open d'Italia, tornano i tifosi

Crowley è una figura rispettata nel rugby italiano avendo guidato la Benetton rugby a Treviso dal 2016 al 2021.

In quel periodo, Benetton è diventata la prima squadra italiana a raggiungere la qualificazione Pro14 nel 2019 e ha vinto il suo primo titolo importante vincendo la Rainbow Cup la scorsa stagione.

Ma anche i tifosi azzurri più ottimisti non si aspetterebbero che l’era Crowley inizi con una vittoria massiccia sui loro illustri visitatori, e il 60enne non si aspetta nemmeno soluzioni rapide.

Tutti i neri si sono radunati contro l'Italia 2018.

Film All Blacks vs Italia, Roma, 2018
Foto: riprese

“Ho detto da quando ho accettato questo lavoro che non mi aspetto grandi cambiamenti al tabellone – in termini di vittorie e sconfitte – rapidamente, perché non accadono a quel livello”, ha detto.

“Le squadre con cui giochiamo la maggior parte del tempo sono molto al di sopra di noi in classifica, quindi dobbiamo avere alcuni obiettivi all’interno della squadra che possiamo aspettarci.

“Se riusciamo a ottenerlo, è positivo e avrà un impatto sul tabellone, che si tratti di risultati più vicini o di una vittoria qua e là”.

Il predecessore di Crowley, Franco Smith, ha fatto molto affidamento sui giovani, dando possibilità a giocatori del calibro di Fly Half Paolo Garbessi, Marco Riccione e il quarterback Federico Mori, i quali hanno poi guadagnato trasferimenti estivi all’estero rispettivamente a Montpellier, Sarsens e Bordeaux.

Sebbene il nuovo allenatore sia incoraggiato dai giovani talenti in arrivo, a differenza della prima squadra, l’Italia non è arrivata ultima nel Campionato Sei Nazioni Under 20 dal 2017 – e crede che si possa fare di più a livello giovanile.

“La prima cosa che deve accadere sono cambiamenti nell’intero sistema politico. Il nuovo presidente (del rugby italiano) (Marzio Innocenti) sta cercando di farlo”, ha detto.

READ  Alex Telles ha detto che il suo arrivo dal Manchester United non significa che Federico Dimarco lascerà l'Inter

“Dobbiate lavorare tutti nella stessa direzione e dove l’Italia molto probabilmente è caduta in passato è il trasferimento di questi giocatori under 20 ai club professionistici.

“Tornano nei loro club semi-professionisti, che fanno meglio che possono ma sono semi-professionisti. Devi passare dai successi under 20 agli ambienti professionali completi per poter passare il turno”.

– Reuters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *