Juventus: Perché Allegri ha sofferto per il ritorno della Juventus?

Max Allegri ha allenato la Juventus dal 2014 al 2019, anno in cui ha vinto cinque scudetti consecutivi

Quando Max Allegri è tornato alla Juventus in estate, tutti a Torino si aspettavano che il suo arrivo coincidesse con un immediato ritorno alla vittoria nel suo primo bottino di trofei al club.

Cinque scudetti consecutivi in ​​Serie A, senza contare diverse coppe e trofei italiani, hanno reso Allegri uno degli allenatori più ammirati in Europa. La sua partenza nel 2019, di comune accordo, sembrava la fine naturale di un ciclo.

Il suo ritorno è stato essenzialmente un’ammissione che il club aveva sprecato i due anni dalla sua partenza. La speranza era dal consiglio di amministrazione che avrebbe rivitalizzato il club che ha finalmente concluso la sua presa sul titolo di Serie A la scorsa stagione dopo nove vittorie consecutive in campionato.

Ma finora non c’è stato alcun ritorno alle favole.

Una settimana fa la Juventus era in zona retrocessione, non vincendo dopo quattro partite e affrontando una partita contro lo Spezia che Allegri ha definito “sesta retrocessione”.

Sette giorni e una serie di vittorie consecutive, la Juventus è almeno nella metà superiore della classifica e mercoledì affronterà i detentori della Champions League, il Chelsea, in una forma migliore di quanto avrebbe potuto essere.

Perché Allegri ha faticato ad avere un impatto immediato?

A differenza di quando ha assunto la guida nel 2014 dopo aver guidato Antonio Conte a tre titoli consecutivi di Serie A, Allegri ora ha un lavoro di ricostruzione.

Maurizio Sarri potrebbe aver vinto il titolo nella sua unica stagione in carica, ma la sua nomina a succedere ad Allegri nel 2019 è stata tutt’altro che vincente, poiché non è riuscito a battere i giocatori chiave Giorgio Chiellini e Cristiano Ronaldo, mentre la stagione di Andrea Pirlo era nel 2020-21 stagione. il peggiore. La Juventus chiude con un disastroso quarto posto.

Una delle più grandi sfide di Allegri nel rimodellare la squadra è affrontare la sconfitta di Ronaldo contro il Manchester United, il cui flusso costante di gol ha mascherato la necessità di cambiare la squadra.

La difesa un tempo tirannica non era più impenetrabile. Gianluigi Buffon e Andrea Barzagli se ne sono andati da tempo. Leonardo Bonucci e Chiellini, pur dimostrandosi più che affidabili, hanno bisogno di più di una pausa dal passato.

Matthijs de Ligt non è stato all’altezza del suo potenziale e non ha mostrato il livello di prestazioni che ha spinto la Juventus a pagare £ 67,5 milioni per ingaggiarlo dall’Ajax.

“Da quando è arrivato, avete parlato tutti del futuro del Pallone d’Oro [winner]”Dobbiamo stare tutti calmi, ha qualità importanti ma deve evolversi”, ha detto Allegri.

Questa debolezza nella difesa è confermata da alcune statistiche rigide. I 10 gol subiti dalla squadra nelle prime sei partite di campionato sono più che in qualsiasi stagione dalla fine degli anni ’80. E hanno subito almeno una volta in ciascuna delle ultime 20 partite di campionato, cosa che non facevano da più di 60 anni.

La capacità della Juventus di trasferirsi da Ronaldo non è stata influenzata dagli infortuni del principale duo d’attacco Alvaro Morata e Paulo Dybala. Domenica Morata ha lasciato il campo contro la Sampdoria, mentre un Dybala traballante si è trasferito negli spogliatoi in lacrime durante la partita. Nessuno dei due verrà mostrato fino a dopo la pausa per le nazionali di ottobre.

Sono il capocannoniere della loro squadra, quindi sentiranno la loro assenza.

Anche il centrocampo non funziona bene. Secondo Allegri, Adrien Rabiot dovrebbe “tirare in porta 30 volte nel match e lanciare la palla in rete, ma continuare a tirare oltre la traversa”.

Manuel Locatelli, parte della squadra vincitrice di Euro 2020 in Italia, avrà un ruolo maggiore dopo il suo arrivo estivo dal Sassuolo.

Insomma, rigidità svanita in retroguardia, creatività mancata a centrocampo e la prima linea è un cantiere.

Alvaro Morata / Paulo Dybala
Paulo Dybala ha saltato 20 partite a causa di un infortunio la scorsa stagione e deve affrontare un altro periodo in disparte

Appaiono segnali incoraggianti

“E vogliono giocare per la Juventus!” Allegri ha urlato di dispiacere quando ha lasciato il campo dopo il pareggio per 1-1 con il Milan il 19 settembre.

Le vittorie su Spezia e Sampdoria nella metà inferiore da allora non possono che fornire molti incoraggiamenti, ma ci sono motivi per suggerire alla Juve di superare l’angolo destro.

Hanno molti giovani talenti e personaggi come de Ligt (22), Dejan Kulusevsky (21) e Kiza (23) possono avere un impatto molto maggiore. Tutti e tre in panchina solo per quella partita con il Milan.

Devono ancora dimostrare di avere le carte in regola per vestire la maglia bianconera, ma nessuno mette in dubbio la qualità. Lo stesso si può dire per Moise Kean, che è tornato dall’Everton con un prestito di due anni che sarebbe diventato un contratto permanente del valore di 24 milioni di sterline.

Sapendo che la sua ricostruzione doveva partire dalle basi, Allegri stava attuando un pragmatico 4-4-2, con la Juventus che difendeva a fondo.

Domenica ha optato per un 4-2-3-1 più offensivo, in quanto Locatelli ha collegato Dybala, che ha anche beneficiato del sostegno di Chiesa e Federico Bernardeschi di entrambe le parti.

I miglioramenti della scorsa settimana saranno sufficienti per sconvolgere il campione europeo in carica Thomas Tuchel? Forse, ma questa partita probabilmente arriverà troppo presto per una squadra il cui allenatore è impantanato in un processo di rinnovamento dell’identità, in campo così come dentro la testa dei propri giocatori.

READ  Unclocked Bruno sostituisce Zanon per il Six Nations Championship Tour in Inghilterra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *