Juventus: Andrea Pirlo insiste che preferisce perdere che cambiare filosofia

Andrea Pirlo insiste che preferirebbe perdere piuttosto che cambiare la sua filosofia di allenatore… anche dopo essere stato espulso dalla Juventus per una brutta stagione di scarsi risultati.

  • L’ex allenatore della Juventus Andrea Pirlo ha raddoppiato la sua filosofia di allenatore
  • L’uomo di 42 anni ha subito una disciplina di 12 mesi a carico della vecchia signora
  • Pirlo ha fatto un centrocampo inefficace e ha dovuto spesso apportare modifiche tattiche
  • Tuttavia, dice che non modificherà la sua filosofia di allenatore


Andrea Pirlo ha raddoppiato la sua filosofia di allenatore nonostante il suo triste periodo alla Juventus, con la leggenda italiana che insisteva sul fatto che preferirebbe perdere piuttosto che cambiare strada dopo il suo periodo disciplinare a Torino.

Pirlo, 42 anni, è stato esonerato dal suo incarico alla vecchia signora quest’estate, dopo essere arrivato quarto in Serie A mentre era stato eliminato dalla Champions League dal Porto negli ottavi.

Il giocatore italiano è stato spesso criticato per il suo uso regolare di un centrocampo inefficace, mentre la sua riluttanza a apportare modifiche tattiche durante le partite porterà a un numero allarmante di pareggi e sconfitte.

Andrea Pirlo ha raddoppiato la sua filosofia di allenatore nonostante la miseria della Juve

Il 42enne è stato licenziato quest'estate dopo una brutta campagna

Il 42enne è stato licenziato quest’estate dopo una brutta campagna

Tuttavia, Pirlo ha insistito sul fatto che non avrebbe cambiato la sua filosofia dopo una brutta stagione, sostenendo che avrebbe preferito perdere piuttosto che fare le cose diversamente.

READ  "Inter e Juventus sono più attrezzate e più esperte del Milan"

“Non lo cambierei perché alcuni dei risultati non erano buoni”, ha detto. l’atleta. Questo è ancora quello che penso del gioco: giocare da dietro, cercare di tenere la palla e riconquistare il possesso il più rapidamente possibile.

Molto dipende dai giocatori a tua disposizione e da cosa ti permettono di fare. I giocatori sono molto più importanti degli allenatori. Sono gli allenatori che devono adattarsi.

“Hai questi giovani allenatori che vogliono fare qualcosa di diverso. Per me il calcio sta andando in quella direzione. Guardiola lo ha dimostrato negli ultimi anni. Se non controlli il gioco, è difficile pensare di andare per vincerlo.

Un centrocampo inefficace e la riluttanza a fare cambiamenti importanti hanno ostacolato Pirlo

Un centrocampo inefficace e la riluttanza a fare cambiamenti importanti hanno ostacolato Pirlo

Tuttavia, l'italiano dice che non cambierà il suo stile perché riflette sulla sua esperienza

Tuttavia, l’italiano dice che non cambierà il suo stile perché riflette sulla sua esperienza

Certo, ci possono essere momenti in cui hai il 90% della palla e lasci che l’unico tiro che il tuo avversario ha in porta, ma preferirei perdere in quel modo piuttosto che passare l’intera partita a difendere la mia area di rigore, cercando di segnare. Mira al contrattacco.

“Ho imparato molto”, ha aggiunto. È stata la mia prima esperienza da allenatore ma è stata molto difficile perché abbiamo iniziato la stagione con una sola amichevole. Le cose sono andate molto velocemente.

Abbiamo giocato ogni tre giorni, senza tifosi, senza poter recuperare e senza poterci allenare e preparare per la prossima partita. È stato difficile provare qualcosa di nuovo. Il recupero era più importante.

Sebbene la Juventus non sia riuscita a vincere il titolo, perdendo il decimo scudetto consecutivo mentre l’Inter ha vinto il titolo, Pirlo crede che il suo anno in panchina sia culminato in “molta crescita personale”.

Ora, il 42enne sta valutando le sue opzioni su dove andare dopo. Dice che vorrebbe trascorrere del tempo alla base di allenamento del Manchester City per vedere il lavoro di Pep Guardiola, mentre Mauricio Pochettino ha fatto un’offerta simile al PSG.

“È stato un anno in cui ho avuto un’enorme crescita personale”, ha detto Pirlo. ‘Vorrei viaggiare all’estero. Sono negli Stati Uniti da tre anni, quindi non ho problemi con l’inglese e parlo anche il francese. Sento di poter andare ovunque.

Da allora la Juventus è passata a riconfermare Massimiliano Allegri come allenatore, con l’italiano incaricato di riconquistare il titolo italiano nella sua prima stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.