JP Devine: recensione Moonstruck

Cher, a sinistra, e Nicholas Cage in “Moonstroke”. foto

Lo scrittore John Patrick Shanley ha goduto di una lunga e fruttuosa carriera, iniziando nei piccoli teatri di Broadway e trasmettendo in streaming a Broadway prima che il suo enorme successo portasse “dubbi” sulla scena nazionale.

Era “Moonstruck”, una moderna commedia drammatica di Brooklyn brillantemente diretta da Norman Jewison (“Fiddler on the Roof”, “In the Heat of the Night”), che vinse nel 1988 l’Academy Award per la migliore sceneggiatura per Shanley, che ha interpretato accanto a lui a una festa, gli Oscar furono distribuiti, ma la splendida attrice Cher, la “Dea del Pop”, vinse un Oscar quella sera.

Davanti ai nostri occhi, Cher è diventata, Loretta Castorini, arroccata ai margini della vita da vedova a Brooklyn e realista con una striscia grigia tra i capelli e la sua vita, il cui marito è stato colpito da una serie “brutta” quando è stato colpito da un autobus.

Loretta, associata a un “ fidanzamento ” di 10 anni con il burbero uomo d’affari di addio al nubilato Johnny Camariere, vive in una grande casa a Brooklyn, con suo padre, proprietario di impianti idraulici, Cosmo (Vincent The Great Gardenia, Candidate to Support Actor) e la madre ( l’incredibile Olympia Dukakis che ha ottenuto la migliore attrice non protagonista.)

Aggiungete l’anziano nonno immigrato italiano (il carismatico Feodor Chaliapin Jr.) che vive al terzo piano con i suoi sei cani. La casa è piena di amore italiano, dramma, delusione, odore di pane caldo all’aglio e lieto fine.

È stato Nicolas Cage nei panni del fratello di Johnny, Rooney, che non ha ricevuto un Golden Globe nonostante fosse stato nominato per quella che la maggior parte dei critici considerava la sua più grande interpretazione cinematografica di sempre.

READ  Italia. Decreto ristorante d'autore. Bonus di Natale di 1000 euro. Ti sta bene (documento)

Gabbia come il fornaio irregolare, il buffone che, secondo il critico, è lo stordimento elettrico del film. Ronnie ha perso le dita della mano destra dal taglierino per il pane mentre litigava con suo fratello Johnny, un incidente che ha diviso i due fratelli.

Il film si conclude, come tutte le fiabe romantiche italiane, con farina d’avena, colazione di Prosecco e un anello di fidanzamento preso in prestito. Bravissimo.

Ma è stata la fiaba italiana di Shanley a Brooklyn, scritta, recitata e diretta da Joyson che ha magicamente cucinato questa semplice e adorabile pasta in un ottimo pasto, e il suo più grande contributo ai film.

Moonstruck è apparso dall’Hollywood Archive per fornire una panoramica della pandemia.

“Moonstruck” è ora in onda su Hulu e AppleTV +.

GB Divine di Waterville è un ex attore teatrale e cinematografico.

“Precedente

successivo ”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *