Italia: Nuova eruzione del vulcano Etna vomita cenere, chiude aeroporti | notizie | DW

Lunedì l’Etna ha eruttato un enorme pennacchio di cenere vulcanica alto 12 chilometri (7,5 miglia) nel cielo sopra l’isola italiana della Sicilia.

Gli scienziati dell’Istituto nazionale italiano di geofisica e vulcanologia (INGV) di Catania affermano che l’attività si è concentrata sulle colate laviche sul versante sud-est della montagna.

La cenere dell’esplosione ha coperto le città vicine, secondo la Protezione civile italiana, ma non ci sono state segnalazioni immediate di feriti o danni alla proprietà.

Lunedì, le autorità hanno emesso un avviso agli aerei nella zona.

L’aeroporto internazionale Vincenzo Bellini della vicina Catania è stato chiuso lunedì all’ora di pranzo a causa di un’eruzione, ha twittato l’aeroporto. Il tweet affermava che da allora il traffico aereo limitato è ripreso ma che “rimarrà limitato fino alla fine dell’emergenza #Etna”.

Perché l’Etna si ribellò?

L’Etna si trova su una base di 1.190 chilometri quadrati (459 miglia quadrate) situata sopra il punto di incontro delle placche continentali africana ed eurasiatica. È uno dei vulcani più alti e attivi d’Europa.

Nella mitologia greca e romana, l’Etna era conosciuta come la casa di Vulcano, fornitore di armi agli dei

L’attività vulcanica dell’Etna è stata ben documentata nel corso della storia. Forse la sua eruzione più devastante avvenne nel 1669, quando la lava divorò dozzine di villaggi e seppellì gran parte di Catania, la città più grande della parte orientale dell’isola.

All’inizio di febbraio, un’eruzione vulcanica particolarmente potente ha inviato sorgenti di lava ruggente nel cielo notturno della Sicilia e da allora la montagna è rimasta molto attiva.

Gli scienziati dell’INGV hanno registrato un graduale aumento delle scosse sismiche dovute alla fuga di gas, che secondo loro potrebbe essere un’indicazione che l’Etna si sta dirigendo verso un’altra spettacolare eruzione di fontane di lava infuocate, o un’attività vulcanica parossistica.

READ  Euro 2020: l'Italia fa il possibile per annunciare la sua rosa

Gli esperti dell’INGV ritengono che l’eruzione sia stata causata dall’accumulo di magma, osservando che la stessa situazione si è verificata circa un anno fa, anche se con più accumulo di magma. Entro ottobre, l’Etna 50 eruttò di nuovo.

Il fumo sale dai crateri meridionali dell'Etna

La continua attività sismica ha causato la formazione di nuove fessure nella montagna, aprendo nuovi crateri

js/wd (AFP, AP, dpa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.