Israele ha criticato le accuse russe secondo cui Hitler faceva parte degli ebrei

Israele ha criticato la Russia per le dichiarazioni “imperdonabili” del suo ministro degli Esteri sul nazismo e l’antisemitismo, comprese le accuse secondo cui Adolf Hitler era un ebreo.

Il nazismo ha avuto un ruolo di primo piano negli obiettivi e nelle narrazioni della guerra della Russia mentre combatteva in Ucraina. Nel suo tentativo di legittimare la guerra per i cittadini russi, il presidente Vladimir Putin ha descritto la battaglia come una lotta contro i nazisti in Ucraina, anche se il paese ha un governo democraticamente eletto e un presidente ebreo i cui parenti sono stati assassinati durante l’Olocausto.

Lo ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov durante un’intervista a un canale di informazione italiano, in risposta a una domanda sulle accuse russe di aver invaso l’Ucraina per “distruggere” il Paese.

Lavrov ha affermato che l’Ucraina potrebbe ancora avere elementi nazisti anche se alcune figure, incluso il presidente del paese, fossero ebree.

Così quando dicono ‘Come potrebbero esistere i nazisti se fossimo ebrei?’ “Secondo me, anche Hitler aveva origini ebraiche, quindi non significa nulla. Per qualche tempo abbiamo sentito dal popolo ebraico che i più grandi antisemiti erano ebrei”, traduzione italiana.

La Germania nazista è stata responsabile dell’omicidio sistematico di sei milioni di ebrei tra uomini, donne e bambini, nonché della persecuzione e della morte di altri milioni tra cui rom, sinti, slavi, persone LGBTI, persone con disabilità, testimoni di Geova e oppositori politici.

Il 27 aprile il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha partecipato a una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri eritreo Osman Saleh Mohamed dopo i colloqui a Mosca, in Russia. Israele ha criticato la Russia per i commenti fatti da Lavrov in un’intervista a un canale di informazione italiano. (Yuri Kochetkov/Paul Photo/The Associated Press)

Il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid ha descritto la dichiarazione di Lavrov come “imperdonabile, scandalosa e un terribile errore storico”.

“Gli ebrei non si sono uccisi durante l’Olocausto”, ha detto Lapid. “Il livello più basso di razzismo contro gli ebrei è quello di incolpare gli ebrei stessi per l’antisemitismo”.

Yad Vashem ha descritto le osservazioni come “ridicole, fuorvianti, pericolose e meritevoli di condanna”.

“Lavrov sta promuovendo un capovolgimento dell’Olocausto, trasformando le vittime in criminali sulla base della promozione dell’affermazione assolutamente infondata che Hitler fosse di origine ebraica”, si legge in una nota.

“E altrettanto seriamente, chiamiamo gli ucraini in generale, e il presidente (Volodymyr) Zelensky in particolare, i nazisti. Questa è, tra le altre cose, una completa distorsione della storia e un insulto alle vittime del nazismo”.

Anche l’Ucraina ha condannato le dichiarazioni di Lavrov.

“Cercando di riscrivere la storia, Mosca sta semplicemente cercando argomenti per giustificare l’omicidio di massa degli ucraini”, ha scritto su Twitter il consigliere presidenziale ucraino Mikhailo Podolak.

READ  L'Alaska si prepara all'impatto di una tempesta storica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.