In Italia sospiro di sollievo perché Matarella resta fermo

Chiama oggi un parlamentare italiano e molto probabilmente sentirai una nota di sollievo nella sua voce, simile a quella di uno studente delle superiori che ha superato l’Esame di Maturità (un esame di maturità tanto temuto in Italia quanto il Baccalauréat in Francia. )

Il parlamento italiano ha rieletto nel fine settimana il capo di stato 80enne Sergio Mattarella per un secondo mandato.

  • Il Quirinale – il palazzo presidenziale italiano che ha ospitato Mattarella negli ultimi sette anni, e ora forse altri sette (Foto: Wikimedia)

La sinistra cattolica siciliana dagli occhi azzurri è stata sostenuta da quasi tutti i partiti italiani, tra cui Lega di estrema destra, Partito Democratico (PD) di sinistra moderata e Movimento 5 stelle post-populista (M5S).

Ci sono volute otto turni di votazione per eleggere Mattarella, ma il governo guidato da Mario Draghi è stato rafforzato, insieme al PD socialdemocratico che è una parte fondamentale del governo Draghi. D’altra parte, i partiti populisti sono emersi più deboli, in particolare la Lega di estrema destra.

A dire il vero, più turni di votazione per un presidente italiano non sono in realtà così insoliti. Nel 1971, ad esempio, per eleggere il democristiano Giovanni Leone furono necessari 23 turni. La rielezione è anche un trionfo personale per Mattarella, anche se non gradito.

Durante gli ultimi mesi del suo mandato, Mattarella aveva più volte sottolineato di volersi dedicare alla sua famiglia dopo sette anni al Quirinale, il palazzo di Roma che un tempo fu dimora dei re d’Italia e che oggi è la residenza ufficiale del Capo dello Stato.

Prima della votazione, i giornali italiani hanno pubblicato le foto del suo staff che fa le valigie per il trasferimento nell’elegante quartiere Parioli di Roma, dove stava progettando di vivere in pensione.

READ  Nuovo speciale Dream Italy con Cathy McCabe

Eppure una rielezione del presidente è insolita. È successo solo una volta, nel 2013, quando le conseguenze della crisi finanziaria infuriavano ancora. Il parlamento, temendo che l’instabilità politica potesse portare il Paese a uno scenario simile alla Grecia, rieletto l’allora presidente Giorgio Napolitano.

Oggi lo spread tra i titoli di Stato italiani a 10 anni e quelli tedeschi è sotto controllo e le prospettive economiche dell’Italia sembrano promettenti. Secondo le stime del FMI, quest’anno il PIL dovrebbe crescere del 3,8 per cento. Pochi giorni fa il terzo cosiddetto tech unicorn nella storia italiana, una società di logistica spaziale, con sede vicino al Lago di Como, ha annunciato che sarà quotata al Nasdaq entro la fine dell’anno.

Nonostante la relativa stabilità dell’Italia, i servizi di Mattarella erano ancora necessari.

Il motivo principale è che nessuno dei partiti era abbastanza forte da imporre il proprio candidato.

Il leader della Lega di estrema destra Matteo Salvini ha provato a fare il kingmaker proponendo Elisabetta Casellati, presidente del Senato e membro di Forza Italia di Silvio Berlusconi. Ma non ha ottenuto sufficiente sostegno dai partiti di centrodestra.

Quanto ai socialdemocratici, il PD, non avevano seggi sufficienti per eleggere qualcuno di loro scelta. Eppure, il leader del PD, Enrico Letta, ha svolto un ruolo fondamentale svolgendo un ruolo decisivo nell’assicurare che alla fine si votassero per il capo dello Stato in carica.

“C’era sicuramente un kingmaker, ed era Enrico Letta [the PD secretary]”, ha affermato Nadia Urbinati, professoressa di teoria politica alla Columbia University.

Un secondo motivo della rielezione di Mattarella è la fiducia. Sebbene la pandemia possa essere agli sgoccioli, la situazione rimane tesa per molti italiani comuni. Solo lunedì (31 gennaio) sono morte più di 300 persone – e Mattarella è il politico che ispira più fiducia nei cittadini.

READ  Esplorare la Terra dallo Spazio: Puglia, Italia [Video]

Un terzo motivo della rielezione di Mattarella è l’interesse personale dei parlamentari italiani. Se al posto di Mattarella fosse stato eletto Mario Draghi, come speravano alcuni politici di spicco, il parlamento avrebbe potuto non essere in grado di formare un nuovo governo, innescando elezioni politiche che avrebbero messo a repentaglio gli stipendi – e le pensioni – di molti parlamentari.

Mattarella ha ringraziato le decisioni dopo la sua rielezione e ha detto che le rispetterà, impegnandosi a “interpretare le aspettative e le speranze” degli italiani.

Alcuni media hanno fatto notare che dal momento che il mandato presidenziale dura sette anni, Mattarella potrebbe finire per rimanere nel palazzo del Quirinale per 14 anni, diventando quasi una specie di monarca.

“La costituzione italiana non prevede espressamente il divieto di rielezione”, ha affermato Gaetano Azzariti, professore di diritto costituzionale all’Università La Sapienza di Roma. “Nei sistemi democratici è un principio fondamentale che qualsiasi carica monocratica di vertice è temporanea”, ha affermato.

Diversi parlamentari hanno detto a EUobserver che Mattarella ha accettato solo un secondo mandato “per senso del dovere”. Ma, secondo loro, la sua presenza migliorerà le prospettive di stabilità e coerenza.

La sua rielezione rischia di avere diverse conseguenze sul panorama politico italiano.

L’Italia dei due presidenti?

In primo luogo, ha rafforzato il governo di unità nazionale guidato dall’ex presidente della Banca centrale europea Mario Draghi.

Mattarella e Draghi si rispettano e sono entrambi fermamente pro-UE e pro-Nato, e questa nuova era, dopo la rielezione, è stata soprannominata “l’Italia dei due presidenti” sotto la quale Draghi continuerà ad esercitare il know-how economico e finanziario , e Mattarella eserciterà il suo capitale politico e la sua gravità.

READ  Q8 Homes è il primo sito di consegna auto di Starbucks

Raramente nella storia della repubblica italiana c’è stata una maggiore concordia tra il capo dello Stato e il presidente del Consiglio.

Anche la leadership di Letta sul litigioso PD è stata rafforzata mentre la fallita corsa alla presidenza da parte di Berlusconi è ampiamente vista come una prova della crescente debolezza del magnate 85enne.

Nel frattempo il M5S ha continuato a mostrare grandi divisioni. Luigi Di Maio del M5S, ministro degli Esteri del Paese, avrebbe voluto vedere Draghi sostituire Mattarella. Ma l’ex presidente del Consiglio e leader politico del M5S Giuseppe Conte puntava su Elisabetta Belloni, diplomatica e attuale direttore di un dipartimento che coordina i servizi segreti.

Quanto a Salvini, «questa è stata la sua grande débacle», ha detto Urbinati, il professore della Columbia.

“Ora è chiaro che la Lega è divisa: da una parte c’è lui, e dall’altra c’è il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, che è legato agli interessi aziendali”, ha detto Urbinati. “Hanno strategie diverse”.

Sostenendo Mattarella, Salvini ha informato anche il suo alleato Giorgia Meloni, leader degli ultranazionalisti Fratelli d’Italia, uno dei pochi partiti che non ha votato per il presidente in carica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.