Il villaggio ideale in Italia che paga generosamente alle persone che vi si stabiliscono. Tuttavia, c’è un requisito

Molte regioni idilliache ma isolate d’Italia, con l’invecchiamento della popolazione, vogliono rianimare il loro sangue, e in questo senso è venuta in mente un’offerta già nota: la vendita di case abbandonate a 1 euro.

Così, in località di tutte le parti del paese, sono comparsi stranieri che sono diventati proprietari e la condizione è rinnovare la casa in un certo periodo di tempo. Ma ci sono state anche offerte migliori. Candela pugliese ha offerto ai futuri residenti 2.000 euro per trasferirsi lì nel 2017.

Ora è apparsa una proposta migliore. Santo Stefano di Sisanio, un borgo medievale in Abruzzo, una regione dell’Italia centro-orientale meridionale, si offre di pagare – in piccole somme – a persone disposte a trasferirsi e avviare un’attività lì e aiutare ad affittare alloggi, secondo CNN.

“Non vendiamo niente a nessuno, non è un affare. Vogliamo solo far vivere il villaggio.”Lo ha detto a CNN Travel il sindaco Fabio Santavica.

Tuttavia, esistono due condizioni. Coloro che desiderano trasferirsi devono essere residenti in Italia o avere la possibilità legale di diventarlo e devono avere 40 anni o meno.

Quanti soldi riceveranno i nuovi residenti?

Foto di Santo Stefano di Sisanio: Getty Images

Santo Stefano è noto per il suo Sextantio, un lussuoso “hotel sparso” le cui camere sono situate in case singole della zona. Ma l’affascinante hotel si trova a una certa distanza dal paese stesso, che sorge a 1.250 metri sul livello del mare, nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Ci sono 115 residenti nel villaggio, ma circa la metà di loro è in pensione. Meno di 20 anni Meno di 13 anni. Almeno questi sono i dati ufficiali. Infatti, il sindaco Santavica afferma che la popolazione effettiva è compresa tra i 60 ei 70 anni. Le autorità hanno deciso di agire.

READ  Le crisi economiche non incidono sulla proprietà industriale. Quali marchi sono stati registrati nei primi nove mesi dell'anno?

Il Comune pagherà ai nuovi residenti un canone mensile per un periodo di tre anni pari a 8.000 € all’anno. Pagherai anche un contributo una tantum di € 20.000 per avviare un’impresa.

I nuovi residenti avranno anche una casa in cui vivere con un affitto “simbolico”.

Circa 1.500 persone hanno presentato domanda dopo che l’offerta è stata annunciata il 15 ottobre. Ma al momento l’amministrazione comunale vuole ricevere 10 persone o cinque coppie. “Vogliamo aumentare gradualmente il numero e per questo dobbiamo lavorare sugli spazi abitativi. ”Dice Santavica.

Il consiglio ha anche preparato un elenco dei tipi di attività che sosterrà finanziariamente: turismo, pulizia e manutenzione, farmacie e produzione e commercializzazione di alimenti.

I candidati devono avere un’età compresa tra i 18 ei 40 anni e non risiedono nell’area circostante. Tuttavia, devono essere residenti in Italia, cittadini dell’Unione Europea o avere il diritto di risiedere nell’Unione Europea a tempo indeterminato. Se provengono dall’Italia, devono provenire da un’area popolata.

I nuovi residenti devono rimanere qui per almeno 5 anni.

Editore: DC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *