Il Royal Inland Hospital opera al 115% della capacità a causa degli alti casi di influenza e virus RSV | BN Radio

Il capo del personale del Royal Inland Hospital afferma che il dipartimento di emergenza sta ancora affrontando nonostante un “minore” afflusso di pazienti poiché l’influenza e l’RSV iniziano a colpire i colombiani britannici.

Parlando al The NL Noon Report, il Dr. Todd Ring afferma che il Kamloops Hospital sta attualmente operando al 115% della capacità, il che non è insolito.

“Recentemente, la nostra occupazione è stata molto buona. Abbiamo operato con una capacità compresa tra il 105 e il 110%, cosa che l’ospedale sta facendo molto bene a quel livello”.

Detto questo, il dottor Ring afferma che c’è ancora molta pressione sul sistema sanitario, incluso il RIH.

“Uniamo quella pressione, con il fatto che siamo ancora in una fase post-pandemia e che i livelli di personale sono ancora difficili a volte, e questo mette molta pressione sul nostro personale”.

Tutti lavorano molto duramente, ma di sicuro, qui alla RIH, stiamo ancora arrivando e abbiamo a che fare con i volumi”.

Nello specifico, spiega il Dr. Ring, al pronto soccorso del RIH, vedono arrivare un sacco di dati demografici diversi.

Dice che c’è un numero crescente di bambini che arrivano con RSV.

“Certamente la preoccupazione è per i bambini più piccoli, che potrebbe influenzare un po’ di più il loro sistema respiratorio perché non hanno sviluppato anticorpi”, ha detto.

“La buona notizia è che la maggior parte dei bambini altrimenti sani se la caverà bene. Avranno la febbre per qualche giorno e qualche difficoltà respiratoria, ma stiamo parlando di numeri molto piccoli che devono essere portati”.

Tuttavia, dice il dottor Ring, dal punto di vista respiratorio, c’è stato un afflusso di bambini ricoverati nell’unità pediatrica di Kamloops.

READ  Questo buco nero crea enormi anelli luminosi nei raggi X

Per quanto riguarda l’influenza, dice che c’è stato un aumento dei casi sia negli adulti che nei bambini.

“Quando arriviamo alla nostra coorte di adulti più anziani o pazienti che sono immunocompromessi o il cui sistema immunitario non è così forte, a volte vedremo questi pazienti che devono essere ricoverati in ospedale”, ha detto il dottor Ring.

“Penso che sia qualcosa che stiamo vedendo quando guardiamo alla nostra popolazione complessiva di pazienti ricoverati e sta aumentando in questo momento poiché vediamo l’influenza come uno dei principali fattori trainanti”.

Il dottor Ring incoraggia le persone a farsi vaccinare contro l’influenza, il nuovo coronavirus e il virus respiratorio sinciziale, dicendo che aiuterà a ridurre la gravità delle malattie, aiutando anche a prevenire il ricovero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.