Il rover della NASA scopre un pezzo di stagno lucido sulla superficie di Marte

L’agenzia spaziale interpreta il pezzo del chip come parte di una coperta termica che viene utilizzata attorno al razzo per regolarne la temperatura durante i tempi di atterraggio.

Il chip mostra piccoli punti ovunque

In una rivelazione, il rover Mars della NASA ha catturato l’immagine di un pezzo di latta lucido attaccato a una roccia sul Pianeta Rosso. L’agenzia spaziale interpreta il pezzo di pellicola come parte di una coperta termica utilizzata attorno al razzo per regolarne la temperatura durante i tempi di atterraggio.

La maniglia del rover su Twitter conteneva un tweet del team che diceva: “Il mio team ha scoperto qualcosa di inaspettato: è un pezzo di una coperta termica che pensano possa provenire dalla mia fase di discesa, il pacchetto di velivoli a razzo che mi ha lasciato cadere il giorno dell’atterraggio nel 2021.”

Il team è rimasto sorpreso dalla posizione del chip, che si trova a circa due chilometri dal sito di atterraggio. Il team si chiede se l’oggetto sia atterrato lì dopo che il rover è sceso o sia stato spazzato via da un vento marziano. L’immagine del chip mostra punti neri dappertutto e si dice che sia stata scattata dalla telecamera rover Mastcam-Z il 13 giugno.

La perseverante sonda è stata lanciata su Marte nel 2020 (30 luglio) come parte della missione Mars 2020 della NASA ed è atterrata sul pianeta nel 2021 (18 febbraio). Il rover sta attualmente osservando un antico delta del fiume all’interno del cratere Jezero sul pianeta. La funzione principale del rover è quella di cercare segni di vita e raccogliere campioni di rocce e regolite (roccia fratturata e suolo) per un eventuale ritorno sulla Terra. L’agenzia spaziale spera che la sonda troverà prove conclusive della vita microbica sul Pianeta Rosso.

READ  Pistacchi e noci come le noci più dure da frantumare | scienze

La Rover ha una coppia di telecamere Mastcam-Z con zoom sulla testa che creano immagini panoramiche a colori 3D ad alta risoluzione dei paesaggi del pianeta. Inoltre sul suo albero c’è una SuperCam in grado di studiare la chimica di rocce e sedimenti e ha un proprio microfono per aiutare gli scienziati a capire meglio. Secondo l’agenzia spaziale, il Perseverance Wagon è il geologo robotico più avanzato di sempre.

Secondo gli esperti, il rover indagherà sulla geologia del cratere e caratterizzerà il clima passato dell’area, inclusa la presenza di vita microbica e acqua. Questo progetto contribuirà direttamente alla campagna di restituzione dei campioni di Marte, pianificata dalla NASA e dall’Agenzia spaziale europea (ESA) che consentirà agli scienziati sulla Terra di studiare i campioni raccolti dal rover.

Leggi anche: I satelliti hanno rilevato una massiccia esplosione di metano da una miniera di carbone russa

La maniglia Twitter del Perseverance Mars Rover della NASA mostra una foto della squadra che avvolge il rover in coperte termiche.

Il post diceva: “Pensali a loro come sarti per veicoli spaziali. Lavorano con macchine da cucire e altri strumenti per riunire questi materiali unici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.