Il Qatar Mutaz Issa Barshim e l’italiano Gianmarco Tampere si dividono la medaglia d’oro nel salto in alto maschile

Il Qatar Mutaz Issa Barshim ha aggiunto l’ambita medaglia d’oro olimpica alla sua lista di riconoscimenti nel salto in alto maschile a Tokyo domenica, ma è stato costretto a condividere la medaglia con l’italiano Gianmarco Tampere dopo che i due uomini hanno terminato con salti di 2,37 metri.

Barshim, 30 anni e Timbery, 29 anni, non hanno tentato senza successo fino a quando non hanno cercato di superare il segno di 2,39.

Dopo tre fallimenti ciascuno a 2,39, sono finiti legati e hanno avuto una conversazione con un funzionario olimpico, che per primo ha offerto loro un “salto” per decidere sulla questione.

“Possiamo ottenere due ori?” gli chiese Barshim.

L’ufficiale annuì ei due giocatori si strinsero le mani, singhiozzando di gioia.

Anche Maxim Nidasekow della Bielorussia ha superato il segno di 2.37, ma ha dovuto affrontare altri tentativi falliti, che lo hanno portato a vincere la medaglia di bronzo.

Ai Giochi di Londra 2012, Barshim ha vinto la medaglia di bronzo, che è stata poi promossa all’argento. Ha vinto un altro argento a Rio de Janeiro quattro anni dopo, poi ha vinto due titoli mondiali consecutivi nel 2017 e nel 2019.

Il suo record personale di 2,43 m è il secondo più alto di sempre ed è solo dietro il record mondiale di 2,45 m di Javier Sotomayor, stabilito nel 1993.

Il sudcoreano Woo Sang-hyuk e l’australiano Brandon Stark, fratello minore del giocatore di cricket Mitchell, hanno guadagnato 2,35 finendo rispettivamente quarto e quinto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.