Home / Territorio / Il piatto del weekend di Bec Doma

Il piatto del weekend di Bec Doma

Da Carla Iorio enoteca Bec Doma
Questa settimana, VI consigliamo un fresco bianco piemontese il Roero Arneis DOCG, vino secco, molto elegante che vi consigliamo di abbinare con delle fettuccine al ragù di polpo e pecorino romano
Per il vino, vi aspettiamo in Enoteca , per proporvi:
Infinito Roero Arneis docg Cantina Tre Secoli
Note di degustazione:
Colore giallo paglierino, con riflessi verdolini
Naso interessante frutta bianca, mela pera, note amandorlate, e sentori di vaniglia
Gusto morbido, persistente di buona acidità, elegante

Il Piatto Fettuccine al Ragù di polpo
Per il ragù di polpo
1 polpo di scoglio di circa 800 g ,1 carota 1 costa di sedano, 1 cipolla, gambi di prezzemolo , ½ bicchiere di vino bianco secco
Metti le verdure in una pentola capace con abbondante acqua e porta a bollore; aggiungi il polpo e lascia sobbollire per circa 45 minuti. Spegni il fuoco e lascialo raffreddare nella sua acqua di cottura.
Una volta tiepido o freddo, privalo della pelle rosso-violacea esterna, passalo al mixer velocemente ottenendo un “macinato”. Prendi 400 g di polpa di pomodoro in pezzi, 2 spicchi d’aglio, un cucchiaio di capperi sotto sale, 2 cucchiai di olive taggiasche, 3-4 cucchiai d’olio: fai soffriggere l’aglio con l’olio e aggiungi i pezzi di pomodoro. Cuoci per circa 10 minuti, aggiungendo se necessario un po’ d’acqua per non far asciugare troppo il pomodoro. Unisci i capperi sciacquati, le olive e tutto il macinato di polpo e fai cuocere ancora 5-10 minuti. Spegni il fuoco e lascia riposare e insaporire sino al momento di cuocere la pasta, scola le fettuccine dopo 3 minuti di cottura e manteca sul fuoco con il ragù per un paio di minuti, aggiungendo un po’ d’acqua di cottura per renderle cremose. Togli dal fuoco, unisci 2-3 cucchiai di pecorino e il prezzemolo tritato e servi subito.
Carla Iorio – enoteca Bec Doma Via XXIV Maggio Campobasso

Di admin

Potrebbe Interessarti

#vengoconquestamiaadirvi TREBBIATURA MECCANICA

di Franco Di Biase E come promesso ci ritroviamo a parlare della trebbiatura meccanica. La …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *