Il pianeta che non dovrebbe esistere

Il pianeta che non dovrebbe esistere

Al momento della stesura di questo articolo, ci sono circa 5.300 esopianeti che coprono circa 4.000 sistemi planetari. ne ha confermato l’esistenza nel nostro universo. Con ogni nuova scoperta di esopianeti, gli scienziati continuano a saperne di più sulla formazione e l’evoluzione dei pianeti che hanno davvero scosso la nostra comprensione di questo processo fino al suo nucleo. Uno di questi esempi è “pianeti caldi”, che sono esopianeti delle dimensioni di Giove, o più grandi, e orbitano più vicino alle loro stelle madri di quanto non faccia Mercurio con noi. Ciò è in netto contrasto con il nostro sistema solare, che ha pianeti rocciosi più vicini al nostro sole e giganti gassosi più lontani.

Pertanto, è corretto che a L’ultima scoperta pubblicato in Giornale astrofisico Continua a far progredire la nostra comprensione dell’universo. In questo studio, un team internazionale di ricercatori guidato dalla Carnegie Institution for Science ha confermato l’esistenza di un nuovo esopianeta delle dimensioni di Giove, TOI-5205b, in orbita attorno a una piccola stella nana rossa (M nana) di piccola massa. TOI-5205Si trova a circa 87 parsec (284 anni luce) dalla Terra.

Ciò che rende unica questa scoperta è che TOI-5205b ha una massa piuttosto grande per orbitare attorno a una stella nana rossa così giovane e piccola, sfidando le precedenti comprensioni della formazione e dell’evoluzione planetaria. Questo perché gli esopianeti giganti gassosi sono stati tradizionalmente osservati in orbita attorno a stelle nane M sempre più grandi.

READ  Ontario Marie positiva per strangolamento

“La stella ospite, TOI-5205, è circa quattro volte più grande di Giove, eppure in qualche modo è riuscita a creare un pianeta delle dimensioni di Giove, il che è assolutamente incredibile!” gridò il dottor Shubham Kanodia, borsista post-dottorato presso il Carnegie Earth and Planetary Laboratory ed esperto di stelle nane rosse, nonché autore principale dello studio. Il Dr. Shubham ha recentemente discusso la scoperta in modo approfondito post sul blog, Anche. Usando il cibo come analogia, Giove in orbita attorno al nostro sole sarebbe l’equivalente di un pisello in orbita attorno a un pompelmo, mentre TOI-5205b in orbita attorno alla sua stella madre sarebbe l’equivalente di un pisello in orbita attorno a un limone.

Illustrazione dell’artista che mostra i confronti delle dimensioni di TOI-5205b in orbita attorno alla sua stella madre (a sinistra) rispetto a Giove in orbita attorno al nostro sole (a destra). (Artwork credit: Catherine Cain/Carnegie Institution for Science)

La teoria generale della formazione dei pianeti inizia con un enorme disco rotante di gas e polvere che circonda le giovani stelle.I pianeti gassosi inizialmente si sono formati da materiale roccioso di circa 10 masse terrestri. Nel corso del tempo, questo materiale forma il nucleo del pianeta gigante che poi raccoglie grandi quantità di gas dal disco per produrre gli enormi giganti gassosi che osserviamo oggi. A quanto pare, la conferma di TOI-5205b potrebbe gettare questa teoria nel caos.

Illustrazione artistica di TOI-5205b in orbita attorno alla sua stella madre. (Artwork credit: Catherine Cain/Carnegie Institution for Science)

“L’esistenza di TOI-5205b estende ciò che sappiamo sui dischi in cui sono nati questi pianeti”, ha spiegato il dott. Kanodia. “All’inizio, se non ci fosse abbastanza materiale roccioso nel disco per formare il nucleo iniziale, non si potrebbe formare un pianeta gigante gassoso. Alla fine, se il disco evaporasse prima che si formasse il nucleo massiccio, allora non si potrebbe formare un pianeta gigante gassoso.Tuttavia, TOI-5205b si è formato nonostante questi ostacoli.Sulla base della nostra attuale comprensione nominale della formazione dei pianeti, TOI-5205b non dovrebbe essere esistito: è un pianeta “proibito”.

La scoperta è stata inizialmente effettuata utilizzando i dati della NASA Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS)che utilizza l’estensione metodo di rilevamento del transito Per localizzare gli esopianeti, i dati hanno indicato che TOI-5205b blocca circa il 7% della luce della sua stella madre, rendendo TOI-5205b uno dei più grandi transiti mai registrati di un esopianeta confermato in orbita attorno a una stella della sequenza principale.

Scopri di più sulla missione TESS della NASA!

Per confermare i dati TESS, sono state eseguite le osservazioni di follow-up della International Collaboration of Instruments and Observatories. Questi includono cercatore di pianeti della zona abitabileIL Fotocamera artica sull’Osservatorio Apache Point 3.5mIL NN-Explore esopianeta stellare speckle imagerIL Osservatorio delle colline rosse da 0,6 me il Telescopio da trecento mm.

Dato il transito molto ampio prodotto da TOI-5205b, i ricercatori dimostrano che questo potrebbe rendere questo esopianeta un candidato ideale per future osservazioni atmosferiche con la NASA. Telescopio spaziale James Webb (JWST), che può aiutare gli scienziati a comprendere meglio i segreti dietro la loro formazione ed evoluzione. Questo perché JWST ha già avuto successo nell’osservare le atmosfere degli esopianeti con dettagli sorprendenti, così com’è Mostrato di recente Con un pianeta extrasolare, WASP-39b.

Scopri la recente osservazione atmosferica di JWST di WASP-39b e uno studio simile potrebbe essere condotto anche su TOI-5205b!

Quali nuove affascinanti scoperte faranno gli scienziati sugli esopianeti nei prossimi anni e decenni, e fino a che punto queste scoperte continueranno a far progredire la nostra conoscenza della formazione e dell’evoluzione dei pianeti? Solo il tempo lo dirà, ecco perché lo sappiamo!

Come sempre, continua a imparare e continua a cercare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *