Il ministero delle Comunicazioni e dell’Information Technology è in grado di chiudere a prestiti esterni per 12 miliardi di dollari

Il revisore generale Nancy Gathongo si rivolge ai membri dell’Assemblea distrettuale di Kisumu il 2 marzo 2021.[Denish Ochieng, Standard]

Il Ministero dell’Informazione, delle Comunicazioni e della Tecnologia (ICT) ha subito ricevuto prestiti per oltre 12 miliardi di scellini dai governi di Italia e Cina per lo sviluppo di grandi progetti infrastrutturali.

Il revisore generale, Nancy Gathongo (nella foto), ha affermato che il ministero non ha fornito documenti adeguati per i prestiti che sono stati successivamente pagati alla società tecnologica cinese Huawei e alla società di infrastrutture italiana Impresa Costruzioni Maltauro (ICM).

“I pagamenti consistono in prestiti per un totale di 2,6 miliardi di Sh per il data center di Konza Technopolis, 608 milioni di Sh dalla Cina per il National Fiber Optic Backbone Project e un totale di 9,2 miliardi di Sh per Konza Technocity”, ha affermato la signora Gathongo nella dichiarazione. Relazione di audit per l’anno fiscale terminato a giugno 2021. “Tuttavia, i pagamenti sono stati supportati da copie di documenti anziché da originali, che la direzione ha indicato sono stati inviati al prestatore”.

“Di conseguenza, non è stato possibile confermare l’adeguatezza dei pagamenti per un totale di 12,5 miliardi di scellini”, ha affermato.

Nel 2017, ICM è stata aggiudicata come appaltatore generale per supervisionare la costruzione delle principali infrastrutture a Konza, con il suo ambito di lavoro che include strade e impianti idrici e di acque reflue per la prima fase del progetto.

La prima fase, che comprende anche un impianto di riciclaggio, un impianto di trattamento delle acque sfuse, connessioni in fibra ottica e una centrale elettrica, dovrebbe attirare 30.000 residenti, 7.500 lavoratori della conoscenza e altri 16.700 lavoratori al termine.

READ  Un fuggitivo romano ricercato per 10 anni, ha vissuto una vita lussuosa in Italia

Tuttavia, a giugno dello scorso anno, i lavori civili a Konza erano del 56% mentre la costruzione di infrastrutture orizzontali era del 60%.

Questa è la seconda volta in diversi anni che il revisore dei conti generale ha aumentato i pagamenti agli appaltatori associati al progetto Konza Technopolis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.