Home / Politica / Il gioco dei nomi dei candidati a sindaco ha stufato. Parlassero di programmi (se li hanno)

Il gioco dei nomi dei candidati a sindaco ha stufato. Parlassero di programmi (se li hanno)

Nell’elenco dei valvassori politici che nel centrosinistra e nel centrodestra in prevalenza, con propaggini nelle sedicenti liste civiche,  vanno arroventando il clima e il confronto politico a Campobasso in vista delle elezioni amministrative per il rinnovo del consiglio comunale e per la elezione diretta del sindaco, abbiamo omesso di proposito i 5 Stelle e i consiglieri che compongono il gruppo consiliare a Palazzo san Giorgio. L’esclusione (doverosa), è discesa dal fatto che quel movimento e quei consiglieri sono gli unici che nell’assemblea municipale non hanno trasferito condizionamenti, imposizioni, intromissioni da parte di soggetti esterni, siano essi senatori e deputati della Repubblica o del Parlamento Europeo, consiglieri, assessori e /o presidenti regionali che imponendo scelte, comportamenti, atteggiamenti e obiettivi spesso in contrasto con gli interessi della collettività campobassana, coi loro diktat, i loro interessi (politici e clientelari), le loro esigenze di visibilità e popolarità, hanno impazzato nei ranghi municipali e saccheggiato senza scrupoli gli spazi di autonomia che sarebbero dovuti essere propri e inalienabili dei consiglieri comunali, della giunta e del sindaco. La gazzarra sulle candidature a sindaco (Tramontano, Battista, Liberanome e gli altri nomi a seguire che si annunciano dal centrodestra disunito e dalle liste civiche) che continua imperterrita nei santuari di destra, di centro e di sinistra, vede i 5 Stelle estranei ma non indifferenti. Estranei, ai giochi e ai giochetti su chi porre a capo dell’amministrazione di Palazzo san Giorgio (tant’è che hanno scelto all’impronta, senza tentennamenti, il consigliere capogruppo Gravina); non in differenti al degrado morale che questo sistema di contrattazione sta accentuando in una città che ormai ha perso il ruolo direzionale che istituzionalmente  le competerebbe, riducendosi a un bacino elettorale privo di coscienza critica e analitica, pienamente sottomessa agli interessi (personali) di questo o quel consigliere o assessore regionale, di questo o quel partito. Pertanto, al di là della dimostrata intrusione politica nella vita amministrativa del capoluogo regionale da parte di personaggi  che di carismatico, di autorevolezza intellettuale, culturale e politica non hanno assolutamente niente, va dato atto ai 5 Stelle di aver svolto il ruolo di unici oppositori (credibili) a Palazzo san Giorgio, e di aver denunciato sistematicamente la rete degli interessi esterni alla città, che hanno impedito all’amministrazione e alla maggioranza di farsi valere nel rivendicare il diritto ad avere dalla Regione un ruolo di interlocuzione e di confronto permanente e, soprattutto, provvedimenti legislativi e finanziari  necessari a una città direzionale perché fosse attrezzata a corrispondere alle necessità di vita dei residenti e alle necessità di quanti sono costretti a raggiungere gli uffici regionali e gli uffici di tutti gli altri organismi che compongono la platea delle istituzioni statali, regionali, provinciali e locali, senza dimenticare il carico demografico della popolazione universitaria che a sua volta esige e reclama servizi e assistenza. Il silenzio assordante (ci si passi l’ossimoro) sulla mancata realizzazione della sede regionale unica, sulla inutilità della costosissima Metropolitana leggera, sul disastro funzionale del Terminal delle autocorriere, e sul biblico ritardo dell’appalto della tangenziale Nord sono la prova lampante della sudditanza del Comune alla Regione. Questa è la rappresentazione fotografica della situazione venutasi a creare a Campobasso a conclusione del quinquennio amministrativo di Antonio Battista e della sua problematica maggioranza di centrosinistra. Questa è la rappresentazione di una vigilia elettorale che deposita all’elettorato una città debole, destrutturata, modesta nell’essere e nell’apparire, priva di progettualità e di ambizioni. Come del resto si evince dall’assenza di un dibattito in cui siano i programmi l’oggetto del contendere e non la stereotipata corsa  alla poltrona del sindaco sotto l’egida di personaggi che sfrontatamente non nascondono, nemmeno per pudore, il loro dannoso dominio sulle sorti presenti e future della città (Roberto Ruta, Vittorino Facciolla, Vincenzo Niro, Vincenzo Cotugno, Fileo Di Sandro, Luigi Mazzuto, e le wagneriane valchirie Aida Romagnuolo e Filomena Calenda) . Abbiamo cercato il “dominus” dei 5 Stelle e però non lo abbiamo trovato. Questo finora sta facendo la differenza. Purtroppo, però, nel permanere in silenzio sul fronte dei programmi, anche i 5 Stelle non sono diversi dalle altre espressioni politiche. Povertà d’idee? Neghittosità?  Mali endemici e contagiosi.

Dardo

 

Di admin

Potrebbe Interessarti

Sanità molisana allo sfascio. Prima di sparare su Roma guardiamo in casa nostra

E’ la sanità, nel Molise, la vera, grande, malata. Affetta da una sorta di debolezza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *