Il comandante di Artemis 2 della NASA Reed Wiseman non è perfetto

Il comandante di Artemis 2 della NASA Reed Wiseman non è perfetto

Lo stereotipo dell’astronauta è la torta di mele e l’eccezionalismo americano: un avventuriero idealista senza paura, ben racchiuso in un casco a bolle. Questo non è Reed Wiseman.

Non è un perfetto clone di Buzz Lightyear. Non era etero, a volte faceva tardi, e sì, l’idea di morire nello spazio lo terrorizzava.

C’è un fatto rinfrescante per Wiseman, il comandante della prima missione umana sulla luna in più di mezzo secolo, la persona scelta dalla NASA per guidare l’equipaggio di Artemis II su un giro di prova della nuova navicella Orion, 230.000 miglia dalla Terra(Si apre in una nuova scheda).

Questa è la generazione di Artemis, dice Wiseman, come per sottolineare che molti dei modi di Apollo di fare voli spaziali provengono dal passato. Basta guardare i suoi compagni di squadra, “una fetta del Nord America”, per vedere letteralmente cosa è cambiato, dice. Christina Hammock Koch e Victor Glover saranno le prime donne e persone di colore a viaggiare nello spazio profondo, e l’astronauta canadese Jeremy Hansen rappresenta il nuovo impegno della NASA per la collaborazione internazionale.

“Nessuno di noi è quei piloti pazzi e infuocati degli anni ’50 di cui ho letto”, ha detto. “Siamo calcolati. Non faremo volare questo veicolo fino a quando gli ingegneri della NASA e i partner del settore non saranno pronti per noi a volare. Sapremo tutto ciò che possiamo sui sistemi. Avremo provato ogni possibile modalità di guasto.”

Guarda anche:

La NASA ha scelto gli astronauti lunari. Ecco cosa faranno.

Martedì della scorsa settimana, si è seduto per parlare con Mashable della missione imminente: dieci minuti per raccontare a un giornalista tutto sulla sua vita, la sua missione e i suoi pensieri sui viaggi nello spazio. La mattinata di Weisman è stata una raffica di interviste così fugaci, dopo l’annuncio della troupe il giorno prima. Probabilmente ha perso il conto di quanto spesso raccontava alla persona la sua condizione 50 minuti di ritardo Per incontrare il suo capo – e il suo capo – per scoprire che è stato scelto per andare sulla luna.

“Registri la mia foto, visibile?” chiede quando inizia la videoconferenza, in mezzo ai campioni.

io dico “no”.

“Okay, va bene”, dice Wiseman, 47 anni, godendosi una rara tregua dalla telecamera. Entro 24 ore, mostrerà il suo sorriso e farà la sua magia Spettacolo in ritardo Con Stephen Colbert. “Continuerò a masticare questa gomma. Ho sentito così tanti commenti.”

Reid Wiseman ha trascorso 165 giorni lontano dal pianeta, conducendo esperimenti sulla fisiologia umana e sulla dinamica dei fluidi in orbita mentre la stazione sfrecciava a 18.000 miglia all’ora intorno alla Terra.
Credito: NASA

La missione Artemis II, prevista per novembre 2024, sarà il secondo viaggio nello spazio di Wiseman. In precedenza ha lavorato come ingegnere aeronautico sulla Stazione Spaziale Internazionale nel 2014. Ha prestato servizio lì 165 giorni(Si apre in una nuova scheda), eseguendo esperimenti sulla fisiologia umana e sulla dinamica dei fluidi mentre la stazione viaggiava a 18.000 miglia all’ora intorno alla Terra. Per due volte si è avventurato in una passeggiata nello spazio, senza che nulla si frapponesse tra lui e l’effetto travolgente della panoramica.

vuoi di più Scienze Le notizie tecnologiche vengono recapitate direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti a La migliore newsletter di Mashable Oggi.

Ma ciò per cui è meglio conosciuto è il suo uso franco e frequente dei social media, condividendo le sue meraviglie da ragazzo attraverso immagini: vulcani che sgorgano lava, tempeste vorticose, aurore boreali al neon e punti di riferimento come la Grande Piramide di Giza, vista dall’alto verso il basso. . È ciò che lo ha fatto sentire fiducioso e curioso mentre faticava in quei sei mesi lontano dalla sua famiglia.

“Pensavo di aver paura delle altezze, ma ora so che avevo paura della gravità”, ha scritto su Twitter il 10 ottobre 2014.

Wiseman galleggia in uno stato di assenza di gravità

Reed Wiseman ha servito un periodo di sei mesi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale nel 2014.
Credito: NASA

La maggior parte delle persone presumerebbe che avesse raggiunto l’apice della sua carriera, Wiseman deve aver finito al primo posto della sua classe e si è laureato con lode ed eccelso in atletica e accademici. Sapeva fin dalla tenera età che voleva volare nello spazio, anche se il ricordo del disastro dello Space Shuttle Challenger gli bruciava nel cervello. Osservava ogni anno gli Angeli Blu sorvolare Annapolis, le loro ali che tagliavano formazioni vertiginose sopra le loro teste, e sognava di planare altrettanto in alto, se non più in alto.

Così ha iniziato a studiare russo al liceo, pensando che potesse aiutare le sue aspirazioni future. disse un ex insegnante Il sole di Baltimora Nel 2014 Weisman non era il miglior studente, ma lo era Carattere “incredibile”.(Si apre in una nuova scheda).

“Pensavo di aver paura delle altezze, ma ora so che avevo paura della gravità.”

Reed Wiseman passeggiata spaziale nel 2014

Artemide II Comandante. Reed Wiseman conduce una passeggiata spaziale fuori dalla Stazione Spaziale Internazionale nel 2014.
Credito: NASA/ESA/Alexander Gerst

Fu suo fratello maggiore, Bill, a corrispondere all’ideale di grandezza a lui destinato, diventando infine un soldato semplice della Marina degli Stati Uniti. Wiseman, che non era uno studente a tempo pieno e sembrava più interessato al materiale della band che a un atleta, aveva sperato di seguire le sue orme all’Accademia Navale.

Ma Weizmann è stato rifiutato. Invece, è andato al Rensselaer Polytechnic Institute di New York, dove ha conseguito una laurea in ingegneria informatica e dei sistemi.

Si è unito alla Marina ed è diventato un pilota, schierato tre volte in Medio Oriente, pilotando jet dal ponte di una portaerei, arrivando infine al grado di capitano. Successivamente ha conseguito un master in ingegneria dei sistemi presso la Johns Hopkins University.

Quando è tornato ai suoi terreni calpestati intorno a Baltimora, dove 20 percento(Si apre in una nuova scheda) La città è in povertà e i quartieri sono pieni crimine violento(Si apre in una nuova scheda)Guarda che non esiste un unico percorso per questo lavoro da sogno: prenditi cinque minuti e Google tutto l’equipaggio su Artemis II per vedere quanto sono diversi i loro percorsi per il team di astronauti.

Disse: “Non limitarti a guardare le facce”. “Prova davvero a vedere cosa abbiamo fatto delle nostre vite perché siamo quattro persone uniche.”

È eccitato all’idea di passare dall’altra parte della Luna e vedere la Terra come una piccola perla nel mare più nero. Forse sarà in qualche modo in grado di ripubblicare le foto, all’altezza della sua reputazione di re di Twitter.

Lui ei suoi colleghi si uniranno ai ranghi solo 24(Si apre in una nuova scheda) Altri umani che hanno viaggiato nello spazio profondo. Wiseman, un vedovo, lascerà le sue due figlie adolescenti sulla Terra mentre guida la missione di 10 giorni.

Ammette che spesso lotta con le idee sul motivo per cui avrebbe avuto luogo un volo spaziale pericoloso, anche se storico.

Ha detto: “Penso solo a ‘Perché sali in macchina e vai al lavoro? È così rischioso'”. “La vita è piena di pericoli, quindi perché qualcuno dovrebbe scegliere di non vivere? Vai là fuori ed esplora. Vai a fare grandi cose.”

READ  La flessione della luce aiuta a rivelare uno dei più grandi buchi neri mai registrati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *