Il chitarrista Eddie Van Halen pensava che la vita fosse terribile

Il chitarrista Eddie Van Halen pensava che la vita fosse terribile

(Crediti: Away / Alan Light)

musica

Qualsiasi aspirante musicista che aspirasse a diventare il più grande chitarrista del pianeta suonerebbe per il numero tre insieme a Eddie Van Halen. Quando irruppe sulla scena con l’album di debutto di Van Halen, il caratteristico metodo di percussioni di Eddie riscrisse il manuale su ciò che i chitarristi potevano fare, lasciando dietro di sé un’orda di imitatori che non si vedevano dai tempi di Jimi Hendrix. Sebbene Eddie vivesse nel suo mondo come chitarrista, sentiva il bisogno di richiamare le persone quando le vedeva.

Quando si è avvicinato alla musica per la prima volta, Eddie all’inizio non suonava la chitarra. Iniziando con la batteria, Van Halen ha cambiato rapidamente strumento quando si è reso conto che suo fratello Alex continuava a suonare la batteria quando non era a casa. Una volta che ha iniziato a lavorare sulla chitarra, non ci è voluto molto perché Eddie si abituasse allo strumento.

annuncio

annuncio

Frankenstein utilizzava ogni strumento nel suo design unico e Van Halen era solito inserire suoni diversi nella sua chitarra per farla sembrare più grande della vita. Invece di ricreare il suono dello studio con pedali diversi, voleva sfruttare al meglio ciò che poteva spremere naturalmente dalla chitarra, premendo “Eruption” o alzando il volume di “Cathedral”. Quando iniziò a guadagnare slancio nei primi anni ’80, Eddie notò che alcuni degli eroi della chitarra originali non erano così risoluti come pensava.

D’altra parte, l’innovazione dei Van Halen non sarebbe stata nulla se i Led Zeppelin non avessero prima aperto la porta. Jimmy Page irruppe sulla scena alla fine degli anni ’60 e il suo stile di suonare la chitarra diede origine all’idea di suonare la chitarra, portando un’ondata di energia ad ogni successo come “Whole Lotta Love” e “Kashmir”.

READ  La star di Breaking Bad Mike Bataeh è morto all'età di 52 anni - Entertainment News

Parlando della visione dei Led Zeppelin, Eddie non è rimasto colpito da ciò che Jimmy Page ha portato sul palco dal vivo Mondo della chitarra“Jimmy Page è un produttore eccellente. Led Zeppelin e Led Zeppelin II sono dei classici. Come musicista, è molto bravo in studio. Ma non l’ho mai visto suonare bene dal vivo. È molto sciatto. Suona come una mano rotta. Ha due anni. Ma se pubblichi un buon album e lo suoni a due anni. Che senso ha?”

Nonostante i commenti di Eddie, Page si è guadagnato il suo posto come uno dei re della chitarra rock. Fuori dallo studio, gli Zeppelin erano conosciuti per il loro connubio perfetto ogni volta che venivano suonati dal vivo, con Page che suonava un po’ prima del ritmo di ogni canzone. Dato che il batterista John Bonham era solitamente dietro il ritmo, il continuo tira e molla tra chitarra e batteria ha dato loro il loro suono classico.

Fu durante uno di quegli spettacoli che Eddie riuscì a sviluppare una delle sue chitarre tipiche Smithsonian, I Led Zeppelin e Jimmy Page suonano con le mani alzate, così ho spostato i dadi [with my finger]. Fondamentalmente, ogni clic che faccio è solo un’estensione della mia mano. Da lì ho iniziato a comporre piccoli pezzi come Eruption”.

Anche con l’occasionale esaurimento nei confronti di Page, il chitarrista dei Led Zeppelin ha dovuto dare credito a Eddie, dicendo che nessuno poteva eguagliare ciò che aveva portato allo strumento. I Led Zeppelin e i Van Halen potevano avere alcune cose in comune, ma Eddie stava cercando di prendere ciò che Page aveva iniziato e fare un ulteriore passo avanti.

READ  Signori: gli utenti Netflix stanno facendo la stessa "lamentela" nei confronti della serie Guy Ritchie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *