Il capo scienziato della NASA in pensione afferma che possiamo riparare Marte

Marte ha un’atmosfera sottile che contiene il 95% di anidride carbonica. Il pianeta è duro e freddo. Le frequenti tempeste di polvere e le radiazioni cosmiche del pianeta, con temperature medie intorno a meno 81 gradi Fahrenheit (meno 62,78 gradi Celsius), lo hanno reso inadatto per gli esseri umani. Tuttavia, questo non era in precedenza ostile.

Secondo James L. Green, uno scienziato capo della NASA che ha lavorato lì dal 1980 e ha supervisionato missioni in tutto il sistema solare, l’umanità potrebbe rimodellare Marte e forse Venere, come notato in Una recente intervista con New York Times.

In precedenza è stato affermato che ciò potrebbe essere ottenuto costruendo un enorme scudo magnetico tra il pianeta e il sole, che impedisce al vento solare di spogliare e drenare la fragile atmosfera del pianeta. Ciò consentirebbe al pianeta di intrappolare più calore e riscaldare il clima abbastanza da renderlo abitabile.

“Sì [terraforming Mars is] Possibile”, ha detto Greene, a volte colloquio. “Ferma l’astrazione e la pressione aumenterà. Marte inizierà a riabilitarsi. Questo è ciò che vogliamo: che il pianeta sia comunque coinvolto in questo”.

Ci sono molti modi per creare scudi magnetici, ha detto Green.
“Ho cercato di ottenere un documento su cui sto lavorando da circa due anni. Non sarà ben accolto”, ha detto. “Alla comunità planetaria non piace l’idea di riabilitare qualcosa. Ma tu sai. Penso che possiamo anche cambiare Venere con uno scudo fisico che riflette la luce. Facciamo uno scudo e l’intera temperatura inizia a scendere. ”

C’è anche la Life Detection Confidence Scale, o CoLD, che è una delle ultime proposte del Dr. Green ed è degna di nota. La scala è suddivisa in sette diversi livelli, ciascuno dei quali funge da criterio che deve essere soddisfatto quando si passa al passaggio successivo. Rilevare firme viventi come sostanze biochimiche, ad esempio, sarebbe di prim’ordine. Il secondo livello consiste nell’escludere la possibilità che l’evidenza provenga da contaminazione dal suolo. Infine, il livello finale sarà per gli scienziati per annunciare di aver scoperto prove di vita extraterrestre.

READ  tempo metereologico. Neve e ghiaccio hanno causato molti rallentamenti del reggimento

Al Dr. Green è stato anche chiesto se fosse sorpreso che la vita non sia stata ancora scoperta sul Pianeta Rosso nonostante l’esplorazione di Marte da parte della NASA dal 1976. “Sì e no”, ha detto. “Quello che stiamo facendo ora è molto più sistematico, molto più intelligente nel modo in cui percepiamo ciò che la vita può generare nel tempo”.

“Uno degli esperimenti di Vikings ha indicato che c’era vita microbica nel terreno, ma era presente solo uno dei tre strumenti, quindi non possiamo dire di aver trovato la vita. Ora lo sapremo davvero, definitivamente perché restituiremo i campioni. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.