I veterinari sollevano preoccupazione per il virus mortale nei cavalli in Nuova Scozia – Halifax

I veterinari sollevano preoccupazione per il virus mortale nei cavalli in Nuova Scozia – Halifax

Le scuderie della Nuova Scozia stanno prendendo precauzioni questa settimana dopo che nella provincia sono stati scoperti diversi casi di mielopatia erpetica (EHM).

Il virus è dormiente tra i cavalli del Nord America e molti cavalli possono conviverci senza ammalarsi gravemente.

Il virus EHM può essere trasmesso tra cavalli a causa del contatto umano, inclusi pelle, indumenti e scarpe. Non c’è pericolo per l’uomo.

Secondo la Canadian Food Inspection Agency, i cavalli affetti da casi gravi possono manifestare problemi neurologici, malattie respiratorie, mortalità neonatale e aborto spontaneo.

Attualmente non esiste un vaccino sufficientemente efficace per combattere il virus.

Secondo i veterinari della contea, ci sono quattro casi presunti noti nella contea, in cui i test hanno mostrato gravi segni di insufficienza neurologica.

La storia continua sotto l’annuncio

“Abbiamo avuto alcuni casi recenti”, ha detto il dottor Trevor Lawson. “È più comune in altre province, meno comune in Nuova Scozia. Ecco perché ha lanciato qualche campanello d’allarme.”

Dopo i test di laboratorio, l’unico test è risultato positivo, con altri tre presunti positivi, ha detto Lawson.

I casi di EHM o del suo agente infettivo herpesvirus equino (EHV) sono comuni in province come l’Ontario che hanno una grande popolazione di cavalli. Secondo Lawson, casi di virus vengono regolarmente segnalati in Ontario a causa della quantità di contatti tra cavalli nella provincia.

Non esiste un meccanismo di segnalazione formale in Nuova Scozia.

I fienili in Nuova Scozia sono stati chiusi da alcuni proprietari mentre i proprietari cercavano di eliminare la contaminazione incrociata tra i fienili.

“Sarebbe disastroso”, ha detto Lindsay Clark, proprietaria di Kew Lane Stables.

READ  Gli astronomi hanno appena scoperto un segnale radio vecchio di 8 miliardi di anni

Gli otto cavalli di Clark vivono in una stalla con poca separazione. Teme che se un cavallo viene infettato, tutti gli altri potrebbero contrarre il virus.

Secondo i professori dell’Università di Guelph che studiano il virus, l’interazione umana è principalmente la causa della trasmissione durante quella che è considerata la stagione non di punta.

“La prima cosa che vogliamo fare è prendere le nostre mani e toccare quel bellissimo naso. Allo stesso tempo, possiamo avere questo virus tra le mani e trasmetterlo immediatamente a quel cavallo. È molto contagioso”.

La storia continua sotto l’annuncio

Quando emerge un caso confermato, i proprietari dovrebbero isolare immediatamente l’animale e assicurarsi che nessun altro cavallo utilizzi gli stessi strumenti o mangime, ha detto.

Si prevede che ci vorranno altre due settimane senza casi prima che l’epidemia venga considerata finita.

&Copy 2023 Global News, una divisione di Corus Entertainment Inc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *