I ricercatori cinesi portano alla luce il fossile di una strana creatura con il corpo di un uccello e la testa di un dinosauro

Gli scienziati hanno scoperto in Cina un fossile di una strana creatura risalente a 120 milioni di anni fa con la testa di un dinosauro e il corpo di un uccello, complicando ulteriormente il dibattito sul fatto che gli uccelli siano discendenti dei dinosauri.

Il fossile è stato scavato nel nord della Cina e gli scienziati ritengono che questa scoperta fornirà importanti informazioni sull’evoluzione degli uccelli moderni.

La creatura, chiamata Cratonavis zhui, aveva lunghe scapole e artigli, e il suo grande cranio era quasi identico a quello del Tyrannosaurus rex e di altri teropodi carnivori, secondo l’Accademia cinese delle scienze.

I ricercatori dell’Accademia cinese delle scienze hanno studiato il fossile scansionando il cranio usando la tomografia computerizzata (CT) ad alta risoluzione.

Usando copie digitali delle ossa metalliche, hanno ricostruito la forma e la funzione del cranio com’era durante la vita dell’uccello.

Il risultato ha mostrato che la forma del cranio di Cratonavis era simile a quella di un T-rex, piuttosto che a quella di un uccello.

Nel ramo aviario dell’albero genealogico dei dinosauri, Cratonavis si colloca tra l’Archaeopteryx dalla coda lunga, che era più simile a un rettile, e Ornithothoraces, le cui caratteristiche si possono trovare negli uccelli moderni.

“Le caratteristiche primitive del cranio parlano del fatto che la maggior parte degli uccelli del Cretaceo come il Kratonavis non poteva muovere il becco superiore in modo indipendente rispetto alla mascella inferiore e al cervello, un’innovazione funzionale diffusa tra gli uccelli viventi che contribuisce alla loro enorme diversità ecologica”, ha dichiarato il paleontologo CAS. Zhiheng Li, coautore dello studio, in una dichiarazione.

Il coautore dello studio Wang Min ha affermato che la strana natura della scapola (osso della spalla) ha permesso a Kratonavis di ruotare meglio la sua ala, per compensare le sue capacità di volo sottosviluppate.

READ  Un astronauta festeggia i 100 giorni sulla Stazione Spaziale Internazionale con l'immagine di una bella cupola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.