Gran Premio degli Stati Uniti: sessioni di allenamento del presidente Ferrari Carlos Sainz e Charles Leclerc

Il Gran Premio degli Stati Uniti va in onda su 5 Live e BBC Sport

I piloti Ferrari Carlos Sainz e Charles Leclerc hanno presieduto le sessioni di prove libere del venerdì al Gran Premio degli Stati Uniti ad Austin, in Texas.

Sainz ha superato Max Verstappen della Red Bull, che ha conquistato il suo secondo titolo nell’ultima gara in Giappone, di 0,224 secondi al primo round.

Lewis Hamilton della Mercedes era terzo, a 0,475 secondi dal vantaggio, poiché il team ha valutato un importante aggiornamento per l’auto.

Leclerc ha superato la seconda prova, come test per valutare le gomme 2023.

Hamilton ha detto di essere stato incoraggiato dalle nuove parti Mercedes, che includono un nuovo design dell’ala anteriore e del pavimento.

“Tutto è andato come previsto”, ha detto. “Sono così grato a tutti gli operai della fabbrica che hanno lavorato così duramente e ci hanno offerto una promozione per questo fine settimana.

“Ho sicuramente sentito i miglioramenti in macchina. In P1, è stata un’ottima sensazione e non mi sembra che siamo troppo lontani da tutti”.

Verstappen si è detto contento anche della Red Bull nella prima sessione.

“Abbiamo provato alcune cose con la macchina, e subito ci siamo arrivati, ed è stato molto positivo”, ha detto.

“Abbiamo un po’ di informazioni dalla P1 e la macchina era già in una finestra giusta. Il lungo periodo è un po’ più un punto interrogativo perché tutti abbiamo perso la P2, ma penso che andrà bene”.

Il miglior tempo di Leclerc è quello stabilito con pneumatici Pirelli per il 2022: è stato uno dei pochi piloti a far funzionare le gomme di quest’anno per parte del secondo giro perché non ha partecipato al primo, poiché la sua vettura era guidata dal pilota di sviluppo Ferrari Robert Schwartzman.

READ  Il rugby di Gloucester segna una pietra miliare in Europa con una grande vittoria su Benetton

Nella prima sessione più importante del Circuit of the Americas, Lance Stroll dell’Aston Martin è quarto, davanti a Sergio Perez della Red Bull e alla cavalcatura di Fernando Alonso.

Il settimo più veloce della Mercedes George Russell, Lando Norris della McLaren, è arrivato nono.

Nella seconda sessione, Valtteri Bottas dell’Alfa Romeo e Daniel Ricciardo della McLaren sono stati il ​​secondo e il terzo tempo più veloce, con tempi stabiliti per gli pneumatici 2022. Sainz ha stabilito il tempo di sviluppo più veloce per gli pneumatici 2023.

Perez riceverà una penalità di cinque posizioni nella gara di domenica per aver superato la tolleranza delle parti del motore utilizzando un nuovo motore a combustione interna. Nella stessa posizione si trova Zhou Guanyu dell’Alfa Romeo.

La prima sessione ha visto un certo numero di squadre che guidavano piloti irregolari poiché hanno rispettato l’obbligo di assegnare due sessioni di allenamento iniziali per dare possibilità agli aspiranti alla F1.

Il russo-israeliano Robert Schwartzman è stato 16° per Charles Leclerc su Ferrari, dietro di lui il pilota Indycar Alex Palo con l’auto di Daniel Riccardo McLaren, seguito da Theo Burshire su Alfa Romeo e l’americano Logan Sargent per la Williams, che dovrebbe guidare il prossimo. stagione.

L’ex pilota dell’Alfa Romeo Antonio Giovinazzi ha deluso ogni minima speranza di far atterrare l’auto ad Haas la prossima stagione quando è caduto al secondo giro e non ha potuto partecipare a nessun’altra parte del percorso.

L’italiano era alla guida dell’auto di Kevin Magnussen. Il compagno di squadra danese Mick Schumacher correrà con l’ex pilota di Formula 1 Nico Hulkenberg per il secondo posto di Haas nel 2023.

READ  Il ritorno del calabrone che abbatte le barriere con la stessa facilità con cui entra ... Incontra Paulo Oudojo

Il fine settimana è stato finora dominato dai discorsi sulla possibilità che la Red Bull abbia violato il limite di budget nel 2021.

La FIA ha offerto alla Red Bull un accordo di violazione accettabile (ABA), un’ammissione di colpa e una sanzione i cui dettagli sono mantenuti riservati.

La Red Bull, che insiste nel ritenere di essere entro il limite, deve ancora dire se accetterà l’ABA o combatterà la posizione della FIA.

Il Team Principal Christian Horner ha incontrato il Presidente della FIA Mohamed bin Sulayem tra le sessioni di allenamento per discutere la questione. I colloqui si sono interrotti dopo pochi minuti e la Red Bull ha detto che non c’era ancora una soluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.