Google, qual è il modo migliore per organizzare la grande tecnologia?

I casi antitrust che coinvolgono comportamenti passati si sono dimostrati in gran parte inefficaci. Quindi i regolatori rivolgono la loro attenzione agli standard orientati al futuro

ultimamente , Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha intentato una causa contro Google, Accusa la tecnologia di abusare dello stato di monopolio nella ricerca in Internet e nella pubblicità online. È il primo importante problema tecnologico antitrust da quando il Dipartimento di Giustizia ha superato Microsoft nel 1998.

Anni della causa

La causa statunitense non ucciderà Google

Nonostante tutte le iniziative politiche, la causa non si concluderà con Google. Se l’azione legale di Microsoft è una prova, la causa continuerà per anni e sarà un fastidio per Google; Tuttavia, finirebbe sicuramente con un accordo indimenticabile.

Ora, ci sono normative potenzialmente più importanti per la grande tecnologia in corso altrove. Nei mercati tecnologici in rapido sviluppo, le azioni legali antitrust sono viste da molti responsabili politici come inappropriate Vecchio post E spingono verso le regole Avanzare Il che, come in altri settori, limiterà in precedenza le piattaforme online.


Leggi anche

Francesc Perron | New York

Il 6 ottobre, una commissione del Congresso degli Stati Uniti ha pubblicato un rapporto di 449 pagine su come gli Stati Uniti stanno aggiornando la loro legge sulla concorrenza. Qualche giorno fa è trapelato un lungo elenco di regole che dovevano essere inserite nel Digital Services Act, ambizioso pacchetto normativo promosso dall’Unione Europea. Questi sforzi avranno più successo rispetto ai trattamenti della concorrenza della vecchia scuola?

READ  Come sbloccare il tuo iPhone usando Apple Watch in iOS 14.5

Cominciamo con il rapporto, che è il risultato di un’indagine di 16 mesi della Camera dei rappresentanti guidata dal democratico David Ceclin. Nonostante la polarizzazione politica negli Stati Uniti, gran parte della diagnosi ha il sostegno bipartisan. Il repubblicano Ken Buck ha scritto: “Il rapporto descrive accuratamente come Apple, Amazon, Google e Facebook hanno usato il loro potere di monopolio per agire come guardiani del mercato”, facendo eco ai sentimenti di molti altri membri repubblicani del Congresso.

L’ipotesi che il successo possa essere solo il risultato di un comportamento anticoncorrenziale irregolare



Amazon

Non sorprende che le due parti siano in disaccordo su cosa fare al riguardo. I Democratici vogliono che le grandi aziende tecnologiche separino le loro principali linee di business dalle altre attività. Ad esempio, Amazon non sarà in grado di vendere i propri prodotti sulla sua piattaforma, poiché si presume si conceda un trattamento preferenziale, inclusa una posizione più elevata nei risultati di ricerca. I repubblicani respingono tali misure come troppo invadenti e suggeriscono di modificare le leggi antitrust esistenti.

Amazon ha contestato i risultati del rapporto. “Il presupposto che il successo possa essere solo il risultato di un comportamento anticoncorrenziale è semplicemente sbagliato”, ha affermato. Apple, Facebook e Alphabet, la società madre di Google, hanno rilasciato dichiarazioni nello stesso senso. Tuttavia, per passare qualcosa di significativo al Congresso, i Democratici dovranno ottenere (il che è difficile) una grande maggioranza al Senato per consentire loro di esercitare pressioni attraverso una legislazione audace.

READ  Ecco le perdite di Samsung Galaxy Z Tab e S21 FE della scorsa settimana


Leggi anche

Jaume Masu | Bruxelles, corrispondente

(File) In questa foto del file scattata il 14 febbraio 2020, il logo di Google per la società multinazionale di tecnologia e servizi relativi a Internet è raffigurato a Bruxelles, Bruxelles.  Google afferma che pubblicherà i dati sulla posizione degli utenti in tutto il mondo a partire dal 3 aprile 2020, per consentire ai governi di valutare l'efficacia delle misure di allontanamento sociale introdotte per fermare la pandemia COVID-19.  I rapporti sui movimenti degli utenti in 131 paesi saranno resi disponibili su un sito web speciale e saranno pubblicati

Dopo aver tentato senza successo di cambiare il comportamento dei giganti della tecnologia attraverso indagini antitrust e multe, L’Unione Europea si è impegnata a Avanzare. La sua grande idea è impedire ai giganti della tecnologia di impegnarsi in “pratiche sleali”. Il documento trapelato elenca 30 pratiche, dal trattamento preferenziale che le piattaforme danno ai propri servizi al rifiuto di lavorare con i concorrenti.

Se tutte le idee europee venissero adottate, i giganti della tecnologia finirebbero in una limitazione legale. Le proposte potrebbero indebolire gli “effetti di rete”, cioè le forze nei mercati online che consentono alle grandi aziende di crescere ulteriormente. Ad esempio, le principali app di messaggistica (come Facebook di WhatsApp) potrebbero dover accettare messaggi da altre app più piccole. Le piattaforme possono essere costrette a condividere dati con i concorrenti, rimuovendo così la barriera all’ingresso per i nuovi entranti.

Regolamento dell’Unione Europea

Se tutte le idee europee venissero adottate, i giganti della tecnologia finirebbero in una limitazione legale

Come al solito, il diavolo è nei dettagli e la Commissione europea, il braccio esecutivo dell’UE, è ora alle prese con i dettagli. Come definiamo un “gigante”? Il numero di utenti e le entrate sono importanti. Ma per quanto riguarda le risorse di dati, che sono difficili da misurare? Quali dati dovrebbero condividere le piattaforme?

In un certo senso, l’interoperabilità tra le app di messaggistica avrà un percorso chiaro, poiché i fornitori di servizi mobili devono accettare anche le chiamate dalle reti concorrenti. Tuttavia, potrebbe danneggiare la concorrenza tra i metodi di codifica, che le applicazioni interoperabili devono coordinare. L’eccessivo indirizzamento può ostacolare l’innovazione da parte di grandi piattaforme.

READ  Apple sta indagando su un problema con i "blocchi rosa" visualizzati sui display collegati all'M1 Mac Mini
Bruxelles (Belgio), 10/11/2020.  - Il Deputy CEO Europeo, Margaret Westager, tiene una conferenza stampa sul tema dell'antitrust con il sito Amazon presso la Commissione Europea a Bruxelles, Belgio, 10 novembre 2020. (Bélgica, Bruselas) EFE / EPA / Basin / Oliver Basin

Il commissario per la concorrenza Margrethe Vestager

EFE

Gli europei europei si trovano in quello che Mark Schmulich della Bernstein Research chiama il “dilemma del regolatore”: inventare regole rigide che evitano conseguenze indesiderate. La risposta del comitato è ai suoi esperti, e possibilmente a un nuovo organo, di decidere caso per caso eventuali attività non competitive. Le aziende devono dimostrare che non lo sono.

Ci vorrà tempo per sviluppare standard efficaci; È possibile che almeno per quanto riguarda le cause antitrust. Tuttavia, sarebbe un’anomalia storica se il settore tecnologico non fosse rigidamente regolamentato, come prima lo erano altri settori di importanza sistemica, come quello bancario e alimentare.

opinione generale

Il 72% degli adulti americani afferma che le società di social media hanno un potere politico significativo

L’opinione pubblica sembra essere pronta: secondo un sondaggio del Pew, il 72% degli adulti americani afferma che le società di social media hanno troppo potere politico. E così fanno le piccole aziende tecnologiche, che fanno i propri sforzi. Vecchio post. Epic, il creatore del videogioco di successo È un gioco elettronico, Ha intentato una causa contro Apple per presunte pratiche monopolistiche. La crociata di Oracle contro Google per presunta violazione del copyright ha un aspetto antitrust.

lui è RestringimentoUna reazione energica e diffusa alla crescente forza della tecnologia potrebbe essere bloccata. Ora inizia la lenta lotta.

© 2020 The Economist Newspaper Limited. Tutti i diritti riservati.

A partire dal L’economista, Tradotto in Avanguardia, Rilasciato su licenza. È possibile fare riferimento all’articolo originale in inglese all’indirizzo www.economist.com.

Traduzione: Juan Gabriel Lopez Joix

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *