GlobalWafers produce il nuovo Fab da 12 pollici in Italia

larghezza stretta:
Il presidente Doris Hsu ha affermato che la capacità di produzione di GlobalWafers è “essenzialmente esaurita” per i prossimi tre anni, con l’azienda incapace di soddisfare la domanda.

  • Di Lisa Wang / Reporter del personale

GlobalWafers Inc (環球 晶圓), il più grande fornitore mondiale di chip di silicio, ha dichiarato ieri che un nuovo impianto da 12 pollici da costruire in Italia entrerà in funzione nella seconda metà del prossimo anno per soddisfare la domanda dei clienti.

La società con sede a Hsinchu ha affermato che lo stabilimento, il primo impianto di produzione da 12 pollici in Italia, ha ricevuto un forte sostegno da parte dei clienti europei.

Ha detto che la costruzione sarebbe iniziata una volta approvati i sussidi, aggiungendo che si aspettava di ricevere fondi dal governo italiano e da un nuovo progetto dell’UE volto a costruire una catena di approvvigionamento di chip più resiliente in Europa.

Foto: Grace Hong, Taipei Times

“La domanda è ancora molto buona e molto buona. L’offerta è ancora molto limitata. Per GlobalWafers, la nostra capacità è stata venduta principalmente nel 2022, 2023 e 2024”

“Non siamo ancora in grado di fornire il volume richiesto dai nostri clienti”, ha affermato Hsu.

In mezzo alla forte domanda dei clienti, GlobalWafers aveva ricevuto 28,64 miliardi di NT$ (1 miliardo di dollari USA) in pagamenti anticipati fino alla fine dello scorso anno, ha affermato, aggiungendo che il numero era ancora in aumento.

Hsu ha affermato che i prezzi medi di vendita dovrebbero aumentare continuamente quest’anno.

Ha aggiunto che l’aumento aumenterebbe il margine totale dell’azienda quest’anno dal 38,1 percento dell’anno scorso.

READ  Ha assaggiato le lumache a Parigi e dopo si è ammalato. La presentatrice Vlada Mardari è vegetariana al 90% e il suo cibo preferito fin dall'infanzia susciterà ricordi.

Il nuovo stabilimento in Italia fa parte di un progetto da 100 miliardi di NT$ per espandere la capacità. L’azienda prevede inoltre di investire nei siti di produzione esistenti a Taiwan, Danimarca, Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti.

Hsu ha affermato che l’invasione russa dell’Ucraina non ha avuto alcun impatto diretto sull’azienda, dato che le sue fabbriche europee si trovano in Danimarca e in Italia.

Ha aggiunto che nessun cliente aveva ridotto gli ordini o accelerato le spedizioni.

Ma ha affermato che le tensioni geopolitiche hanno aumentato i costi dei trasporti e dell’energia nei suoi stabilimenti europei.

La crisi globale dei chip dovrebbe estendersi al prossimo anno, nonostante i recenti segnali di allentamento delle restrizioni all’offerta, ha affermato Hsu, aggiungendo che la carenza dovrebbe risolversi entro due o tre anni.

La società ha registrato un utile netto di NT $ 11,87 miliardi lo scorso anno, in calo del 10,4 percento rispetto a NT $ 13,1 miliardi nel 2020, a causa di una tassa di risoluzione di 50 milioni di euro (US $ 54,92 milioni) dopo il crollo dell’acquisizione di Siltronic AG. L’utile per azione è sceso a NT $ 27,27 da NT $ 30,11 nel 2020.

La società ha affermato che il margine lordo è aumentato lo scorso anno al 38,1% dal 37,2% nel 2020, mentre i ricavi sono aumentati del 10,4% a 61,13 miliardi di nuovi dollari di Taiwan, un massimo storico.

I commenti saranno moderati. Conserva i commenti relativi all’articolo. Le note che contengono linguaggio osceno o osceno, attacchi personali di qualsiasi tipo o promozione e divieto dell’utente verranno rimosse. La decisione finale sarà a discrezione del Taipei Times.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.