Funzionario russo descrive le misure lituane come “ostili” e avverte delle conseguenze

Un contadino utilizza una macchina agricola in una fattoria di grano a Odessa, in Ucraina, il 17 giugno (Metin Aktas/Anadolu Agency/Getty Images)

Gli agricoltori ucraini hanno piantato il 25% in meno di terra rispetto al 2021, secondo funzionari e stime indipendenti.

Secondo Markyan Dmitrasevich, viceministro della politica agraria e dell’alimentazione dell’Ucraina, un totale di 13,5 milioni di ettari sono stati piantati con una varietà di colture – l’80% della terra piantata l’anno scorso.

Ovviamente non possiamo piantare Luhanske nelle regioni di Donetsk e in parte nelle regioni di Kiev, Chernihiv e Sumy”.

Inoltre, la ricca terra agricola dell’Ucraina meridionale è ora sotto il controllo russo. Questa regione produceva anche molte verdure in Ucraina.

Un altro alto funzionario del ministero delle Politiche agricole, Taras Vysotsky, ha affermato che quest’anno è stato piantato più grano primaverile rispetto all’anno scorso, ma ci sono stati forti cali nella semina di mais e girasole.

Sul raccolto previsto, Vysotsky ha detto: “Potrebbero esserci circa 48-50 milioni di tonnellate di grano. Questo è inferiore rispetto agli anni precedenti quando ha raggiunto 85 milioni”. Dmitrasevich ha fatto una previsione simile: “Speriamo di raccogliere quasi 60 milioni di tonnellate di cereali e semi oleosi, poco più della metà di quello che abbiamo raccolto l’anno scorso”.

Separatamente, Maxar Technologies ha esaminato le immagini satellitari delle aree agricole in Ucraina e ha concluso che gli agricoltori ucraini hanno piantato il 30% in meno di superficie nella primavera del 2022.

Maksar ha previsto che la produzione di mais nel 2022 sarebbe diminuita del 54% e la produzione di girasole del 40% rispetto alla stagione di crescita del 2021.

Il conflitto ha distrutto dozzine di impianti di stoccaggio del grano nei porti e nelle aree rurali, con circa 10 milioni di tonnellate ora sotto il controllo russo mentre altri sono stati distrutti in attacchi missilistici e di artiglieria. A maggio, diverse fonti hanno detto alla CNN forze russe Li avevamo Furto di attrezzature agricole Migliaia di tonnellate di grano dai contadini ucraini nelle aree che occupavano.

READ  La polizia russa arresta quasi 400 manifestanti contro la guerra in diverse città

Alcuni funzionari ucraini affermano che le difficoltà di stoccaggio hanno spinto gli agricoltori a cambiare raccolto. Marchuk ha anche avvertito che la carenza di carburante potrebbe interrompere il raccolto. Ha affermato che gli agricoltori stanno affrontando una crisi finanziaria, poiché gli interessi sui prestiti sono aumentati fino al 35%.

“Bisogna fare un compromesso per abbassare il tasso di interesse. In condizioni in cui non ci sono esportazioni, quando non c’è capitale circolante, è molto difficile rimborsare il credito a interessi molto alti, a differenza dei tassi che esistevano prima”.

L’esportazione di colture di cereali e semi oleosi è stata complicata da assedio Odessa e altri porti del Mar Nero.

Dmitrasevich ha affermato che dall’invasione russa, l’Ucraina ha esportato 4 milioni di tonnellate di cereali e semi oleosi, rispetto a una previsione prebellica di 5-6 milioni di tonnellate. Sono state sviluppate varie opzioni per il trasporto stradale e ferroviario, con il trasporto di cereali su rotaia fino al porto rumeno di Costanza e attraverso il confine terrestre in Polonia. Ma le alternative sono più complicate della spedizione verso i mercati globali attraverso il Mar Nero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.