Formula 1: Il contendente al titolo Lewis Hamilton e Max Verstappen diffidano di entrare in rotta di collisione contro Abu Dhabi

Lewis Hamilton e Max Verstappen hanno pareggiato con 369,5 punti in vista dell’ultima gara ad Abu Dhabi, la seconda coppia di piloti di spicco nella storia di questo sport a raggiungere il livello della gara finale in punti.

L’unico caso precedente risale al 1974, dove bastò il quarto posto di Emerson Fittipaldi per vincere il titolo su Clay Rigazzoni al Gran Premio degli Stati Uniti in una gara segnata dalla fatale caduta del pilota austriaco Helmuth Koenig.

La F1 non è estranea a finali drammatiche, nonostante il dominio senza precedenti della Mercedes negli ultimi anni, che ha spazzato via gli avvincenti scontri a fuoco che piacciono ai fan. Solo una volta nelle ultime sei stagioni la battaglia per il campionato si è spostata nell’ultima gara, e anche quella è stata quella di determinare quale dei piloti Mercedes avrebbe vinto il titolo nel 2016.

Ma questa stagione può essere ricordata come una delle più emozionanti della storia. La resa dei conti di questo fine settimana ad Abu Dhabi farà calare momentaneamente il sipario su una delle competizioni più sexy di quest’anno.

il dimostratore Verstappen contro il campione veterano Hamilton; Red Bull contro Mercedes; Team principal Toto Wolff contro Christian Horner – La combinazione di dinamiche che ha sostenuto la spazzatura del titolo ha combattuto intensamente sia dentro che fuori dalla pista fin dall’inizio.

Racconto dal nastro

La rivalità tra i piloti ha imperversato per tutta la stagione ed è esplosa in vari punti.

Al Gran Premio di Gran Bretagna di luglio, la coppia è stata coinvolta in una collisione ad alta velocità nel primo giro che ha visto Verstappen in seguito costretto a sopportare i festeggiamenti esultanti di Hamilton da un letto d’ospedale – una precauzione.

Il pilota della Red Bull ha twittato che le celebrazioni di Hamilton sono state “irrispettose e antisportive”, con Horner che ha acceso le fiamme descrivendo la guida del britannico come “completamente interrotta”.

Questa è stata seguita da un’altra collisione al Gran Premio d’Italia, questa volta che ha provocato l’uscita di entrambi i piloti dalla gara. Hamilton ha affermato che Verstappen “lo ha spinto via”, dicendo ai giornalisti che si sentiva “fortunato ad essere vivo”.

Se il caldo è alto a Monza, nella gara di apertura della scorsa settimana in Arabia Saudita, ha raggiunto livelli infernali.

La gara avvincente – che Hamilton alla fine ha vinto per sistemare i punti diretti ad Abu Dhabi – ha visto i due incontrarsi in più occasioni, culminando con un bizzarro incidente che ha visto Hamilton schiantarsi sul retro di Verstappen, che è stato lento a cedere per primo. luogo a causa di un precedente incidente.

Hamilton ha accusato il suo rivale di un “test dei freni” – un’affermazione che Verstappen ha respinto – e ha detto ai giornalisti che il 24enne era “decisamente sopra le righe”. La tensione era così palpabile quando la coppia è salita sul podio nelle esibizioni di coppa dopo la gara, c’era a malapena un’ammissione di passaggio tra di loro.

Verstappen e Hamilton si scontrano in Arabia Saudita.

In questo contesto infuocato incombe il confronto di Abu Dhabi, e con esso la preoccupazione che i finali più impressionanti possano essere decisi per collisione. Hamilton conduce con nove vittorie su otto, Verstappen si dirige verso questo fine settimana sapendo che nessun pilota dovrebbe finire, teoricamente prenderà il suo primo campionato.

READ  Adam Beatty ha vinto la sua terza medaglia d'oro della settimana in Europa vincendo un colpo al petto di 50 metri a Budapest

Le ombre di Schumacher

Non solo ci sono dei precedenti in questa stagione, ma anche la storia: entrambi hanno come protagonista Michael Schumacher, un pilota leggendario spesso paragonato all’olandese Verstappen a causa del loro stile di guida aggressivo.

Nel 1994, i leader del campionato Schumacher e Damon Hill si diressero verso l’ultima gara in Australia separati da un solo punto. Al giro 36, Schumacher ha urtato un muro e, entrando in pista, ha nuovamente colpito un sorpasso in salita, causando il ritiro di entrambi dalla gara.

L’incidente è stato considerato un incidente di gara dai padroni di casa e Schumacher ha vinto il suo primo dei sette titoli mondiali, ma tre anni dopo, un altro incidente nella sua ultima gara ha visto un risultato diverso.

Il pilota della Williams Jacques Villeneuve, con un vantaggio di punti nelle semifinali in Spagna, aveva pensato che Schumacher si fosse deliberatamente trasformato nel canadese sorpasso in una collisione che ha eliminato il tedesco dalla gara. Villeneuve ha preso il titolo con il terzo posto, e Schumacher è stato successivamente privato dei suoi punti per la stagione.

Un'immagine televisiva pubblicata dall'emittente tedesca RTL mostra l'incidente durante il Gran Premio d'Europa in cui Michael Schumacher (a sinistra) si è scontrato con Jacques Villeneuve.
in un Note di corsa Prima di Abu Dhabi, il direttore di gara Michael Massey ha fatto riferimento specificamente a una serie di disposizioni relative alle corse corrette, avvertendo che i punti potrebbero essere detratti in caso di “comportamento antisportivo”.

Massey ha ricordato ai conducenti le potenziali sanzioni per “qualsiasi violazione dei principi di integrità nella competizione, agendo in modo antisportivo o tentando di influenzare l’esito della competizione in modo contrario all’etica sportiva”.

“Per finire prima devi finire”

Entrambe le parti hanno espresso apertamente il loro desiderio di evitare uno scenario del genere, con Horner che ieri ha insistito sul fatto che “Max vuole vincere questo campionato in pista”, sottolineando che il suo pilota non ricorrerebbe a tattiche di crash nel perseguimento del suo primo campionato.

READ  Il ghanese Felix Ohene Gian Avena sul gioco per la squadra di cui si è innamorato in TV

“È un pilota duro ma giusto, e non mi aspetto nulla di diverso questo fine settimana”, ha detto Horner al Times di Londra.

“Nessuno vuole vincere questo campionato in una trappola di ghiaia o nell’inchiesta dei padroni di casa. Per finire primo, devi finire – questo è stato il nostro motto per tutta la stagione”.

Christian Horner e Toto Wolff parlano in pista in vista del Gran Premio del Bahrain.

Verstappen ha fatto eco ai commenti del suo team manager durante la conferenza stampa pre-gara, dicendo ai giornalisti che i piloti “non pensano a queste cose”.

“Cerca di fare del tuo meglio e vincere come squadra. Cerco di essere il più preparato e sto cercando di vincere questo fine settimana”.

Hamilton ha seguito l’esempio. “Non posso controllare queste cose intorno a me, solo i miei preparativi e il modo in cui agisco”, ha aggiunto.

In tema di punti decurtati, il britannico ha ammesso di ritenere “giuste” le eventuali penalità, ma ha ribadito la sua volontà di vincere senza tali interventi.

“È successo in passato”, ha detto Hamilton. “Penso che sia giusto. Spero che non si avveri.

“Sono qui per fare il mio lavoro e non voglio vedere gli arbitri più di quanto loro vedano me”.

Verstappen ha aggiunto: “So cosa c’è nella legge sportiva e non c’è bisogno di ricordarlo a nessuno”.

E nessun appassionato di sport avrà bisogno di ricordare dove si trova questa domenica. Collisione o meno, il dramma è assicurato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.