Home / Politica / Fanelli: “Attenzione al federalismo differenziato”

Fanelli: “Attenzione al federalismo differenziato”

“L’Italia, soprattutto il Mezzogiorno, hanno oggi un disperato bisogno di sviluppo. Proprio ieri, la Commissione Europea ha rivisto al ribasso la crescita del Pil del nostro Paese, la più bassa dell’intera Unione, come diretta conseguenza dell’incertezza che grava sulla prospettiva degli investimenti, utilizzati non per creare sviluppo e occupazione, ma come sostegno improduttivo al reddito di cittadinanza e alla riforma delle pensioni”.  Lo scrive il consigliere regionale, Micaela Fanelli.  “Oggi più che mai, dunque, per invertire la rotta negativa dell’economia non servono più spot elettorali, ma infrastrutture materiali e sociali, interventi concreti per lavoratori e pensionati, per i giovani, la crescita ed i diritti sociali.   Lo hanno ribadito con forza,  nella grande manifestazione a Roma, i sindacati Cgil, Cisl e Uil, che scenderanno in piazza San Giovanni per chiedere al Governo anche di aprire un confronto serio e costruttivo con le parti sociali, senza le quali non sarà possibile avviare la stagione del vero rinnovamento sociale ed economico.

Plaudo, dunque, all’iniziativa unitaria confederale e spero che il nuovo segretario della Cgil Landini si opponga in maniera altrettanto ferma alla sciagurata riforma del regionalismo differenziato, che procede a tappe forzate nella quasi totale indifferenza sociale e politica, in netto contrasto con la nostra Costituzione e le politiche europee incentrate invece sulla coesione e sulla solidarietà territoriale dell’Unione. Un rischio che incombe sull’intero Sud Italia, in particolar modo per il Molise, per il quale, auspico, si assumano impegni precisi anche lunedì prossimo, in occasione della prima visita istituzionale nella nostra regione del Presidente del Consiglio Conte, sul quale grava l’onere di fornire al nostro territorio non solo retorica politica, ma risposte urgenti e realistiche.  Prima tra tutte, torno personalmente a ribadirlo con forza, la posizione del Governo sul regionalismo differenziato, che se attuato come richiesto dalle più grandi regioni del Nord, strapperà l’Italia in due, depauperando il Sud di risorse essenziali, decretando così l’implosione del servizio sanitario nazionale, della scuola e dell’Università, degli investimenti per il welfare e per le infrastrutture sociali. Perché è ora di abbandonare la logica dei numeri – che da sempre penalizza le regioni più piccole – in favore di uno sviluppo armonico e solidale di tutta la nazione.

Per questo, in qualità di rappresentante istituzionale del nostro territorio, chiedo che il Primo Ministro assuma precise responsabilità nei confronti di tutti i molisani: un patto per lo sviluppo sorretto da risorse certe e dedicate, che garantisca maggiori investimenti e maggiore attenzione per i lavoratori da troppo tempo esclusi dai processi produttivi.

E allora, soprattutto per i giovani e per il lavoro, dopo aver compreso che le politiche messe in campo dal Governo non ridurranno, ma aumenteranno il gap economico e sociale, uniamo le forze e con una sola voce chiediamo, sabato in piazza San Giovanni a Roma e lunedì in Prefettura a Campobasso, più investimenti per lo sviluppo economico e il pilastro sociale”.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Manzo: Servizi del lavoro, tutto lasciato al caso

“Il Sil è la struttura portante della rete per i servizi del lavoro appositamente integrato …

2 commenti

  1. È ovvio che il federalismo differenziato danneggia il Sud e ancor più le piccole regioni del Sud che, se è vero che di cittadini ne hanno meno , non sono loro a dover pagare il maggior peso del costo di organizzazioni come la sanità ad esempio,per avere servizi allo stesso livello delle regioni più ricche e che hanno un maggior numero di contribuenti su cui contare

  2. Io vivo in Emilia-Romagna: assieme al Veneto e alla Lombardia stanno chiedendo insistentemente a Conte di avere autonomia gestionale nei campi della sanità, della scuola, della viabilità, per citare i principali. A Modena hanno appena inaugurato la “sala ibrida” all’ospedale di Baggiovara, e tantissimi fondi sono arrivati da eventi organizzati dalla regione, da filantropi, da privati cittadini, senza attendere la principessa sul pisello. Ricordate lo scoppio dell’autocisterna in autostrada in direzione Bologna? Viabilità ripristinata in una settimana: ripeto, una settimana. E il terremoto della bassa modenese e del ferrarese nel 2012? Andate ora a vedere come sono state ricostruite aziende che erano letteralmente cadute a pezzi, e che hanno visto la gente lavorare nei containers per non perdere le commesse. Guardate all’Aquila e al marchigiano devastati dal terremoto: bella differenza, eh? La sanità emiliano-romagnola e’ in attivo per oculata gestione, e’ qualitativamente di grado elevato ed è fondata su sapientissime commistioni pubblico-privato. Inoltre, se ci si dimentica di disdire una visita entro le 24 o 48 hr prima, si paga una penale, e se non la si paga, arriva l’avviso della regione con tanto di mora. I termovalorizzatori sono una realtà (così come in Lombardia, con quello di Brescia che fa la parte del leone: ci siete mai passati davanti? E’ alle porte della città e non c’è un’emissione!). Perdonate, ma perché queste regioni virtuose non devono poter chiedere la gestione autonoma di certi settori? Vi avrei fatto sentire la conferenza del presidente Bonacini, ma anche le parole di Zaia. Come vedete, i colori politici sono diversi, eppure la buona gestione e’ comune: questione di mentalità, né più né meno. Noi abbiamo questo status mentis? No? E allora di che cosa stiamo parlando?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *