Elenco dei vincitori dei premi César 2024 – IndieWire

Elenco dei vincitori dei premi César 2024 – IndieWire

I César Awards sono sempre la serata più importante dell'anno per il cinema francese, ma l'enorme impatto della stagione dei premi di Anatomy of a Fall ha fatto sì che l'evento di quest'anno assumesse un significato aggiuntivo per gli spettatori degli Oscar di tutto il mondo. Quando venerdì sera si è tenuta a Parigi la cerimonia della 49esima edizione dei César Awards, tutti gli occhi erano puntati su Justine Tritt e sul suo film vincitore della Palma d'Oro.

Come previsto, quella sera “Anatomy of a Fall” ha conquistato molte delle categorie più importanti. Oltre a vincere il primo premio per il miglior film, Tritt è stata insignita del premio per la migliore regia e ha condiviso la migliore sceneggiatura con il suo co-protagonista, Arthur Harary. Anche le star Sandra Holler e Swan Arlaud hanno vinto rispettivamente come miglior attrice e miglior attore non protagonista.

L'altro grande vincitore della serata è stato “Animal Kingdom” di Thomas Cayley, che ha vinto premi per la cinematografia, gli effetti visivi, i costumi e il suono.

Continua a leggere per l'elenco completo dei vincitori del Premio César 2024.

La meravigliosa storia di Henry Sugar.  (L-R) Benedict Cumberbatch nei panni di Henry Sugar, Sir Ben Kingsley nei panni di Crupierre e Wes Anderson (regista) nella meravigliosa storia di Henry Sugar.  Documento commerciale.  Roger de Minh/Netflix ©2023

il miglior film
Il vincitore di “Anatomia di una caduta” Justin Treat
“Cane spazzatura” di Jean-Baptiste Durand
“Tutte le tue facce” di Jean Herry
“L'affare Goldman”, Cedric Kahn
“Il regno animale” di Thomas Cayley

Miglior regista
vincitore Justin Treat, “Anatomia di una caduta”
Catherine Breillat, “L'estate scorsa”
Jean Hyere, “Tutti i tuoi volti”
Cedric Kahn, “Il caso Goldman”
Thomas Cayley, “Il regno animale”

Migliore attrice
Marion Cotillard per “La piccola ragazza blu”
Leah Drucker, “L'estate scorsa”
Virginie Efira, “Solo noi due”
Hafsa Harzi “Estasi”
vincitore Sandra Holler, “Anatomia di una caduta”

READ  Il valore della Supercoppa Italiana tra Juventus e Napoli

miglior attore
Romain Duris, “Il regno animale”
Benjamin La Vernet, “L'abate Pierre – Un secolo di fedeltà”
Melville Poupaud, “Solo noi due”
Raffaello Coignard, “Yannick”
vincitore Aryeh Worthalter, “L'affare Goldman”

Miglior attore non protagonista
Laila Bakhti “Tutte le tue facce”
Galatea Bellugi, “Cane spazzatura”
Elodie Bouchet, “Tutte le tue facce”
vincitore Adele Exarchopoulos, “Tutte le tue facce”
Miu Miu, “Tutte le tue facce”

Miglior attore non protagonista
vincitore Swan Arlaud, “Anatomia di una caduta”
Anthony Pagon, il cane spazzatura
Arthur Harari, “L'affare Goldman”
Pio Marmay, “Yannick”
Antoine Reinartz, “Anatomia di una caduta”

Rivelazione femminile
Celeste Bronkwell, “Nessun amore perduto”
Kim Higlin, “Consenso”
Susan Joanette, “La strada reale”
Rebecca Marder per “Grandi aspettative”
vincitore Ella Rumpf, “La teoria di Margaret”

Rivelazione maschile
Julian Frison, “La teoria di Marguerite”
Paul Kircher, “Il regno animale”
Samuel Kircher, “L'estate scorsa”
Milo Machado Graner, “Anatomia di una caduta”
vincitore Raphael Coignard, “Cane spazzatura”

Miglior sceneggiatura originale
Vincitore: Justin Treat, Arthur Harary, “Anatomia di una caduta”

Jean-Baptiste Durand, “Il cane spazzatura”
Jean Hyere, “Tutti i tuoi volti”
Natalie Hertzberg, Cedric Kahn, “Il caso Goldman”
Thomas Cayley, Pauline Meunier, Il regno degli animali.

Miglior sceneggiatura adattata
vincitore Valerie Donzelli e Audrey Dewan per “Solo noi due”
Vanessa Filho per “Consenso”
Catherine Breillat, “L'estate scorsa”

La migliore funzionalità di animazione
“Né cani né italiani” di Alan Onghetto
vincitore “Il pollo di Linda!”, Chiara Malta e Sebastian Laudenbach
“Marte Express” di Jeremy Perrin

Miglior film documentario
“La Striscia Atlantica” di Fanny Mullins
vincitore “Quattro ragazze” di Kawthar Bin Haniyeh
“Piccola ragazza blu” di Mona Ashash
“Il nostro corpo” di Claire Simon
“Sulla testardaggine” di Nicolas Philibert

READ  Scarlett Johansson ha le gambe 🔥 da giorni stando a Cannes

Miglior primo film
“Bernadette” Leah Dominac
vincitore “Cane spazzatura” di Jean-Baptiste Durand
“Estasi” di Iris Kaltenback
“L'insetto” di Sebastian Vanecek
“Vincent deve morire” di Stephane Castang

Miglior film straniero
“Rapito” Marco Bellocchio
“Foglie che cadono” di Aki Kaurismäki
“Oppenheimer” Christopher Nolan
“Giorni perfetti”, Wim Wenders
vincitore “La natura dell'amore” di Mounia Shukri

Il miglior suono
Julien Sicart, Fanny Martin, Jean Delblanc, Olivier Guinard, “Anatomia di una caduta”
Remy Daru, Guadalupe Cassius, Loïc Briand, Mark Duysen, “All Your Faces”
Erwan Kerzanet, Sylvain Malbrandt, Olivier Guillaume, “Il caso Goldman”
VINCITORE Fabrice Osinski, Raphael Sohir, Mathieu Fichette, Niels Barletta, “Il regno degli animali”
David Ritt, Gwenolle Le Borne, Olivier Toch, Cyril Holtz, Niels Barletta, “I tre moschettieri (parti 1 e 2)”

cinematografia
Simone Bovels, “Anatomia di una caduta”
Jonathan Rickebourg, “Il sapore delle cose”
Patrick Geringelli, “L'affare Goldman”
David Cayley, “Il regno animale”
Nicholas Bolduc, “I tre moschettieri (parti I e II)”

Miglior montaggio
Laurent Senechal, Anatomia di una caduta
Francis Vicin, “Tutta la tua faccia”
Valerie Loisello per “La piccola ragazza blu”
Yann Debet, “Il caso Goldman”
Lillian Corby, “Il regno animale”

La migliore moda
Jürgen Döring, “Jeanne de Barry”
Pascaline Chavanne, “Il crimine è mio”
Tran Nu Yen Khe, “Il sapore delle cose”
vincitore corsi ariani, Il regno degli animali
Terry Delter, “I tre moschettieri (parti 1 e 2)”

Miglior design di produzione
Emmanuel Duplay, “Anatomia di una caduta”
Angelo Zamparotti per “Jeanne de Barry”
Thomas Pakini, “Il sapore delle cose”
Julia Lemire, “Il regno animale”
vincitore Stefan Tillason, I tre moschettieri (prima e seconda parte)

READ  Adele spiega il suo divorzio al figlio Angelo in "My Little Love"

I migliori effetti visivi
Thomas Duvall per “Acido”
Liz Fisher, Cedric Fayol, “La Montagna”
vincitore Cyril Bonjean, Bruno Sommer, Jean-Louis Otret, Il regno degli animali
Olivier Caouette, “I tre moschettieri (parti 1 e 2)”
Leo Ewald, “L'insetto dannoso”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *