Dua Lipa denuncia la “brutta campagna” contro la sua presa di posizione sulla Palestina

Dua Lipa ha criticato un gruppo che ha lanciato una “brutta campagna” contro il canto per la sua posizione su Israele e Palestina.

La pop star ha risposto all’organizzazione che ha pagato per una pubblicità a tutta pagina sul New York Times descrivendola come antisemita per il suo sostegno ai palestinesi.

L’annuncio del Global Values ​​Network si riferisce a Liba e modella Bella e Gigi Hadid come “mega influencer” che “hanno distorto lo stato ebraico” e “accusato Israele di pulizia etnica”.

Comprendeva anche una foto di tre showstar in posa sul tappeto rosso, con la didascalia: Incontra le nuove influenti Brigate di Hamas.

Il cantante è andato su Twitter sabato pomeriggio per respingere le “false e orribili accuse” e ha affermato che la rete globale di valori aveva travisato ciò che rappresentava.

Ha scritto: “Il Global Values ​​Network usa spudoratamente il mio nome per lanciare la sua brutta campagna con bugie … Sono solidale con tutti i perseguitati e rifiuto ogni forma di razzismo”.

Più di 250 palestinesi sono stati uccisi, tra cui 65 bambini e 40 donne, e circa 2.000 altri sono rimasti feriti negli attacchi israeliani alla Striscia di Gaza. Dieci israeliani sono stati uccisi anche dal lancio di razzi palestinesi dalla Striscia di Gaza.

Anche celebrità come Roger Waters, Zayn Malik, la star di The Weeknd e la star di Avengers Mark Ruffalo hanno espresso il loro sostegno alla Palestina.

Dua Leba, Gigi Hadid e Bella Hadid hanno anche espresso il loro sostegno alla Palestina, la città natale del padre, durante l’attacco israeliano a Gaza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.