Douglas Copeland, autore di fama mondiale di Gen X, dipinge un cielo alto sul punto di riferimento del West End

Un edificio storico in affitto a Vancouver, vecchio di decenni, riceverà un restyling da un autore e artista di fama mondiale, dopo che la città di Vancouver ha approvato una nuova opera d’arte pubblica di Douglas Copeland a Vancouver.

Secondo la dichiarazione di giovedì, l’approvazione della città significa che Coupland utilizzerà il Berkeley Building come tela per il dipinto commissionato dal proprietario originale dell’edificio Reliance Properties.

L’edificio degli appartamenti in affitto è stato per lo più un punto di riferimento all’angolo tra Denman e Davie Street per 60 anni e sta subendo alcuni importanti miglioramenti per l’impostazione delle tele di Copeland.

“Sarà la prima volta che un intero edificio viene utilizzato come tela”, ha detto Copeland, che quest’anno compirà 60 anni.

La visione futuristica e tradizionale di The Berkeley in Denman e Davy Corner suggerita dall’autore e artista di fama mondiale Douglas Copeland. (Douglas Copeland)

L’artista cresciuto a Vancouver è meglio conosciuto come l’autore di bestseller del 1991 La decima generazione: racconti di una cultura accelerataCiò ha spinto Copeland sulla scena mondiale.

Ha scritto più di una dozzina di titoli, tra cui Shampoo Planet e Life After God.

Nel 2016 Coupland è stata incaricata di creare un’altra installazione artistica generica chiamata Albero d’oro All’angolo tra Marine Drive e Camby Street.

La statua alta 13 metri è una replica di un albero cavo di Stanley Park, ma è dipinta d’oro.

La dichiarazione di giovedì afferma che una squadra di pittori amplierà le quattro facciate dell’edificio, così come il tetto, per attuare la visione di Copeland.

L’amministratore delegato della società di gestione della proprietà, John Stoffel, ha affermato che il concetto di business è “una coppia perfetta con un mix distinto di motivi geometrici colorati che sono allo stesso tempo antiquati ma futuristici”.

READ  La casa stregata di Steven Soderbergh - IndieWire

“Douglas Copeland è stata una scelta ovvia perché è un artista locale di fama mondiale con una forte presenza locale da oltre 60 anni”, ha detto Stoffel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *