Dopo essere andato in pensione all’età di 51 anni, David Rebellin è stato assassinato da un camionista in Italia

Negli ultimi dieci anni si è costruito la reputazione di uomo di ferro del ciclismo, correndo da professionista sulla cinquantina, ma mercoledì mattina l’italiano Davide Rebellin è stato ucciso da un camionista, investito a Montebello Vicentino nel vicentino mentre guidava la sua bici. . La polizia sta indagando e sta cercando l’automobilista che si è dato alla fuga. I ribelli avevano preso parte a una critica a Monaco proprio la scorsa settimana.

Rebellin è stato tre volte vincitore della Fleche Wallonne e ha vinto il titolo Liegi-Bastogne-Liegi nel 2004. Ha vinto anche la Tirreno-Adriatico e la Parigi-Nizza nei primi anni di questo secolo. Nel 1996 ha indossato la maglia rosa del Giro d’Italia per sei giorni dopo aver vinto la tappa 7 mentre correva con Polti.

Ribellione in Maglia Rosa 1996. Foto: Ceruti

La reputazione di Rebellin è stata offuscata dal doping positivo del CERA ai Giochi Olimpici del 2008 a Pechino. Quell’anno fu l’ultima gara in cui avrebbe gareggiato per una squadra di altissimo livello, la Gerolsteiner. Ha rimbalzato in diversi team ProTour e Continental dal 2009 a questa stagione, quando ha corso per il Continental Workforce Service Vitalcare Vega in Italia. La sua ultima vittoria in carriera è stata la 61esima nel 2017. In questa stagione ha corso per 17 giorni.

READ  Una guida locale a Bergamo, Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.