DIHK: Stai zitto – l’economia

Quando si tratta del salario minimo, della pensione a 63 anni, della Brexit o dei diritti umani in Iran, la Camera di commercio e industria tedesca (DIHK) deve trattenersi dalle dichiarazioni politiche pubbliche. Ciò è particolarmente vero per dichiarazioni controverse esagerate, come in un’intervista con un rappresentante del DIHK che ha sollevato la questione della protezione del clima, “se vogliamo guidare attraverso le Alpi verso l’Italia con 34 CV di nuovo”. Il Tribunale amministrativo federale si è pronunciato nel 2016 e lo ha confermato in un’altra sentenza circa due mesi fa. I governanti di Lipsia hanno messo a tacere una delle più importanti associazioni imprenditoriali tedesche, ma non solo.

Hanno anche concesso agli imprenditori il diritto di costringere l’IHK regionale a lasciare il DIHK, a condizione che l’organizzazione mantello non si attenga alle disposizioni di base. Questo ora ha conseguenze disastrose per DIHK. Prima di molti tribunali tedeschi, ora avrebbe indirettamente a che fare con la sopravvivenza dell’organizzazione della lobby, che era stata molto influente a Berlino per molti anni.

La storia inizia con un uomo d’affari che aveva finalmente ragione dopo 13 anni: Thomas Siepelmeyer, 65 anni, presidente dell’azienda eolica di Münster-Hiltrup e membro della Camera dell’industria e del commercio nordoccidentale. Siepelmeyer era infastidito dal fatto che DIHK si fosse opposto all’espansione delle energie rinnovabili e all’uscita dal nucleare nel 2007. Così ha chiesto alla sua Camera dell’Industria e del Commercio di dimettersi dall’organizzazione ombrello e ha fatto molto per farlo in tutti i casi. Ora l’uomo d’affari è arrivato al Tribunale amministrativo federale che la sua stanza, IHK North West, ha dovuto lasciare DIHK.

READ  Ministro delle finanze: è probabile l'accordo sulla tassazione digitale dell'OCSE

Siepelmeyer è stata sostenuta dai cosiddetti insorti di sala, organizzatori della Federal Free Chambers League (BffK), che si batte da anni contro l’iscrizione obbligatoria alle Camere di industria e commercio, attaccando gli stipendi in eccesso dei manager IHK e ha avuto successo contro “l’accumulo inaccettabile di beni” davanti a diversi tribunali ” Diverse stanze Siepelmeyer è anche un membro della BffK, con 1.300 società che si uniscono .. Altre cinque società hanno seguito la querelante di Munster.

La causa è contro le camere di Monaco, Stoccarda, Colonia, Westfalia orientale e Kassel

Hai presentato una “domanda di ingiunzione preliminare” nei tribunali tedeschi. I nuovi attori insistono sul fatto che il portato dinanzi al tribunale obbliga la camera competente a dimettersi dal DIHK. Cinque sale, IHK di Monaco e Alta Baviera, sono state influenzate oltre a quelle di Stoccarda, Colonia, Vestfalia orientale e Kassel. Le richieste sono Sud-Deutsche Zeitung Prima. Se lo fanno, l’organizzazione ombrello affronta un’ondata di ritiri. Se questa ondata diventasse sempre più grande, il DIHK sarebbe “quasi morto”, dice una persona che ha familiarità con le operazioni a Berlino. Ma c’è ancora tanta strada da fare.

L’ultimo “Hammer Judgment” (secondo la BffK) o “Scandal Judgment” (immagine-Giornale) del 14 ottobre 2020 afferma quanto segue: Un membro IHK può richiedere il ritiro della sua camera dall’organizzazione ombrello “se questo ha superato più volte i limiti di capacità legale per le camere e non solo in anomalie atipiche e non ci sono precauzioni sufficienti per prevenire il ripetersi di prevenire violazioni di giurisdizione in una forma. Di fiducia. Lo ha affermato in un comunicato stampa emesso dal più alto tribunale amministrativo tedesco. La giustificazione scritta del giudizio deve ancora arrivare. I giudici hanno ribaltato i precedenti nei tribunali di grado inferiore e hanno citato la loro sentenza del 2016.

Camera di commercio e industria di Monaco (IHK): Pur essendo citati in giudizio, devono lasciare l’organizzazione ombrello DIHK.

(Immagine: Robert Haas)

A quel tempo, al Tribunale amministrativo federale venivano ricordate le effettive funzioni delle camere organizzate come società pubbliche. Questi gestiscono le funzioni statali come condurre gli esami trainee. Per questo, le imprese industriali e commerciali sono automaticamente obbligate a diventare membri dell’IHK e pagare contributi superiori a un certo punto di pareggio. Le camere dovrebbero lavorare per rilanciare l’economia commerciale nelle loro regioni. Politicamente, sono autorizzati a esprimersi solo su questioni relative all’economia nella rispettiva area della stanza. Le camere non sono responsabili, ad esempio, della “protezione degli interessi sociali, politici e del diritto del lavoro”. Questo telaio stretto vale anche per DIHK. Ma lui ei suoi superiori hanno ripetutamente interferito nelle discussioni politiche, ad esempio sul congedo di maternità o sul comportamento del consigliere in politica estera.

DIHK “per il momento vuole rinunciare a tutti i dati multimediali”

La risposta del DIHK alla recente sentenza dei giudici di Lipsia con una lettera interna ai capi e ai dirigenti delle 79 camere. In essa, l’associazione di lobby berlinese, che rappresenta 3,5 milioni di aziende in Germania, ha dichiarato esplicitamente: “Il DIHK non conserverà né ripeterà i dati a cui si è opposto il tribunale amministrativo. Federalismo. ” Inoltre “per il momento rinunceranno a tutti i dati dei media”. Inoltre, DIHK non pubblicherà alcuna dichiarazione su determinati argomenti come “l’importanza dei diritti umani” o il diritto di Israele di esistere o la protezione dei consumatori.

Ma per i cinque querelanti questo non basta: Film.coop, ad esempio, ha citato in giudizio la Camera di Commercio di Monaco e Alta Baviera. Nella richiesta urgente, sulla base di diversi casi, sembra che DIHK continui a condurre un’intensa attività di pubbliche relazioni anche dopo la sentenza di ottobre. Un esempio di ciò è il prezzo del CO₂. In una dichiarazione, l’organizzazione mantello “ancora una volta non ha preso in considerazione posizioni diverse (…)”. Il tribunale amministrativo di Monaco deve ora decidere se la Camera di commercio e industria di Monaco e dell’Alta Baviera debba quindi lasciare il DIHK. Il prossimo round della controversia legale di 13 anni è ora iniziato. “Le richieste urgenti chiariscono: DIHK deve cambiare, deve rispettare la legge e, soprattutto, deve imparare a tacere se necessario”, afferma il direttore di BffK Kai Boeddinghaus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *