Home / Politica / Di Maio a Campobasso. Interviste solo a pochi eletti. Caduta di stile dei Cinque Stelle. La negazione della politica

Di Maio a Campobasso. Interviste solo a pochi eletti. Caduta di stile dei Cinque Stelle. La negazione della politica

Di Giuseppe Saluppo
Ma la politica, scusate, non è confronto? Perché, allora, il vice premier Luigi Di Maio a Campobasso rilascia solo interviste a due emittenti locali? E il resto della stampa? E i tanti colleghi rimasti dietro le transenne? Eppure, poi, sul palco ha parlato di libertà e di uomini liberi. Già, ha parlato. E’ la prima volta che un leader di un partito o movimento ha di questo atteggiamento. Mai, un leader di un partito ha fatto figli e figliastri. Ha evitato i microfoni qualunque essi fossero. Una forza politica che si dice vicina alla gente è grave, assai grave che abbia un atteggiamento del genere. O, forse, per questo che gli elettori che avevano visto una possibilità di reale cambiamento man mano stanno gradualmente scemando e, anche, questa sera a Campobasso piazza Prefettura non conteneva, numericamente e come entusiasmo la gente dello scorso anno per regionali e politiche? Il distacco dai microfoni, privilegiando solo una sparuta manciata di colleghi la dice lunga. Spocchia? Volere avere solo le domande amiche? Forse entrambi o,forse, ancora altro. Ma una brutta, bruttissima pagina della politica. Una pessima immagine politica per il Movimento.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Sanità molisana allo sfascio. Prima di sparare su Roma guardiamo in casa nostra

E’ la sanità, nel Molise, la vera, grande, malata. Affetta da una sorta di debolezza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *