ASP Mercedes vince Kyalami 9H come Ferrari Driver Seal – Sportscar365


Foto: Anton Wannenburg / Mercedes-AMG

Il team Mercedes-AMG AKKA-ASP ha dominato la 9 Ore di Joburg Kyalami mentre i piloti Ferrari Alessandro Pier Guidi e Come Ledogar hanno conquistato il secondo posto conquistando il titolo 2021 dell’Intercontinental GT Challenge con motore Pirelli.

Jules Gunnon, Rafael Marcelo e Timur Bogoslavsky si sono aggiudicati per primi la vittoria nel finale di stagione dell’IGTC, avvenuto due mesi dopo rispetto a quanto originariamente previsto dopo che la scadenza di dicembre è stata sventata dall’arrivo di Omicron SARS-CoV-2.

Junon ha tagliato il traguardo con 15,6 secondi di vantaggio su Pierre Guedi nella 51a Ferrari 488 GT3 Evo 2020 di AF Corse condivisa dall’italiano e da Ledogar con Miguel Molina.

È stata una corsa in testa per il team AKKA-ASP, che è uscito dal comando solo quando un pit stop non sequenziale ha permesso ad AF Corse di passare in testa.

Pur non essendo in grado di sfidare il ritmo assoluto Mercedes-AMG, la Ferrari ha concluso la giornata con due campioni piloti mentre Audi Sport ha vinto il quarto titolo costruttori IGTC dopo che la sua rivale italiana ha visto solo una delle sue vetture raggiungere la bandiera a scacchi.

Pier Guidi e Ledogar sono arrivati ​​in Sud Africa di due punti su Markus Winkelhock, Patric Niederhauser e Christopher Haase che hanno corso con diverse Audi R8 LMS GT3 Evo.

Anche la Ferrari ha diviso i suoi equipaggi, con Niklas Nielsen che è passato all’Entry 71.

Il team Audi Sport Santeluk, composto da Winkelhawk, Niederhauser e Kelvin van der Linde, ha concluso il podio a Kyalami con 25 secondi e cinque punti dai campioni.

READ  Un nuovo filmato mostra la reazione di Jordan Pickford ai giocatori italiani che festeggiano intorno a lui

Nella posta in gioco dei costruttori, la Ferrari doveva finire prima e seconda, ma quelle speranze sono state deluse tre ore e mezza dopo quando Nielsen ha messo da parte la vettura numero 71 a causa di un problema all’albero.

Al via della gara – in cui hanno gareggiato solo otto IGTC e 13 debuttanti – Marciello si è allontanato dalle Ferrari di AF Corse con le Audi supportate dalla fabbrica.

AF Corse ha scelto di far rotolare le proprie vetture ai box alla fine della prima ora, con la missione di ogni vettura ripristinata e mettendo fuori sequenza la serie Ferrari sulla strategia.

Ciò significava che quando il pacchetto principale è stato fissato di serie alla fine della seconda ora, le Ferrari hanno preso il turno in testa al campo fino a quando non hanno avuto luogo i loro servizi successivi.

L’unico giallo completo di questo evento, causato dalla sosta dell’Audi R8 LMS GT4 all’ingresso dei box poco prima che le tre ore fossero trascorse, ha fermato i primi sviluppi strategici.

AKKA-ASP ha utilizzato FCY ​​per eseguire un azzeramento del cronometro con il Gounon al volante, mentre AF Corse ha avvicinato le proprie vetture al tradizionale ciclo del pit-clock.

L’asp teneva Junon avanti e si assicurava che oscillasse a metà dell’ora e non alla fine di ogni ora. È rimasto in testa dopo che la safety car è scivolata, mentre Pier Guidi e Nielsen hanno lavorato per superare Mattia Drudi della WRT per il secondo e il terzo posto.

Ben presto, Nielsen mise da parte il numero 71 della Ferrari, deludendo le speranze di titolo dei costruttori Ferrari.

READ  Lupi flop Patrick Cutron accetta prestito Empoli

Successivamente, Mercedes-AMG e la restante Ferrari #51 si sono alternate guidando da tre ore in poi, per gentile concessione di AKKA-ASP piazzato alcuni giri fuori sequenza.

Tuttavia, AKKA-ASP ha sempre tenuto il vantaggio netto perché dopo essere stato fermato a metà del tempo, il team Mercedes-AMG ha continuato a guidare la Ferrari.

Bogoslavsky è stato bravo a tenere Lidogar a tre secondi di distanza nel quinto, prima che Marcello intervenisse e portasse il vantaggio a 16 secondi.

L’AKKA-ASP è tornato a un ritmo più tradizionale ai box alle 7 quando Marcelo è corso ai box per azzerare il cronometro prima di cedere l’auto di testa a Junon che ha completato le sue quasi due ore di guida per assicurarsi la vittoria.

Mentre AF Corse ha perso il contatto con AKKA-ASP, l’Audi ha perso la coda della Ferrari numero 51.

WRT e Sainteloc sono arrivati ​​​​terzi alla penultima ora, con Haase che ha superato Niederhauser solo per uscire di pista a Barbeque pochi istanti dopo.

Haas ne ha tirato indietro uno contro Niederhauser ultimamente, ma alla fine si è accontentato del quarto posto insieme ai suoi compagni di guida del WRT Drudi e Charles Weerts.

Lucas Legeret, Nicolas Bert e Simone Gachet hanno completato i primi cinque con l’Audi di Sainteloc Racing, che è stata l’unica entrata nella classe Silver Cup.

Le vetture erano le meno indietro rispetto alle vetture non Pro IGTC, con le tre che si recavano nei loro garage per risolvere problemi in vari punti della gara.

Sainteloc ha concluso un giro davanti alla High Class Racing Audi del WRT che ha vinto il premio Pro-Am davanti alla Mercedes-AMG di SunEnergy1 Racing.

READ  Thomas Tuchel: Romelu Lukaku ha bisogno di gol per riportare i tifosi del Chelsea in cima dopo l'indignazione

Nonostante abbia perso la vittoria in gara a causa di un problema al servosterzo, il pilota di SunEnergy1 Kenny Hubeul ha comunque vinto l’Intercontinental GT Pro-Am Challenge con Michael Grenier e Martin Conrad.

L’ingresso più alto nella Classe Nazionale è stata una Lamborghini Huracan GT3 Evo della Stradale Motorsport guidata da Charles Arangis, Arnold Niefling e Michael Van Royen, a 29 giri dal vincitore assoluto.


Daniele Lloyd


Daniele Lloyd È una giornalista con sede nel Regno Unito per Sportscar365, che copre il FIA World Endurance Championship, il GT World Challenge Europe supportato da AWS e l’IMSA WeatherTech SportsCar Championship, tra le altre serie.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.