Home / Sanità / Unimol, Master di primo livello per infermiere di famiglia e di comunità
Pretty nurse or doctor with books in a corridor of a hospital or medical college

Unimol, Master di primo livello per infermiere di famiglia e di comunità

Il tempo per iscriversi al Master universitario di I livello per “Infermiere di famiglia e di comunità” nell’anno accademico 2016-2017

non manca. La domanda d’iscrizione può essere presentata   al Centro Unimol  Manegement, II edificio Polifunzionale in Via De Sanctis a Campobasso, fino alle 12 del 9 gennaio 2017. Tempo anche capire e valutare i contenuti di questo Master che alla lettura appare di grande rilievo professionale e lavorativo. L’università del Molise si conferma nella propensione a mettersi in relazione con la realtà molisana,  le sue componenti, le sue necessità, le sue migliori vocazioni.  Ha impiegato alcuni lustri per decidersi, ma sembra convintamente disposta a vincolarsi a questo nuovo e concreto dettato istituzionale. Probabilmente, giocano a favore anche i migliorati rapporti con le amministrazioni locali. Una regione che vuole sviluppare il proprio futuro non può fare a meno del suo polo scientifico, e viceversa.  Reciprocità d’interessi. Purtroppo sottovalutati per troppo tempo, e per troppo tempo fatti scivolare via su errati presupposti di autosufficienza.  Pare si voglia finalmente mutare indirizzo. Il Master per “Infermiere di famiglia e di comunità” è un’offerta interessante; quel titolo professionale è “un concetto specialistico in continuo aggiornamento ed evoluzione, che viaggia di pari passo con una società che cambia, una società che invecchia, che ha bisogni urgenti, ma che ha sempre più necessità di interventi a lungo termine”. In un  Molise tremendamente a prevalenza anziani, diventa addirittura un obbligo provvedersi in tal senso.  A questa necessità, l’università degli Studi del Molise e  il Dipartimento di Medicina e scienze per la Salute – “V. Tiberio” –  intendono fornire sostegno, favorire una prospettiva di opportunità e dare risposta con il bando per la partecipazione al corso di alta specializzazione universitaria rivolto a un numero limitato di partecipanti (massimo 30 iscritti). L’iniziativa vede il patrocinio del Collegio Ipasvi, e la responsabilità scientifica e l’attività di indirizzo e di coordinamento da parte del professore  Roberto Di Marco, Associato in Microbiologia clinica presso il Dipartimento di Medicina dell’Università del Molise. Sono due gli obiettivi del percorso didattico – formativo che rivestono e risultano avere maggiore rilevanza e incidenza.  Un obiettivo  si propone di fornire una figura esperta nell’assistenza domiciliare alla persona e al suo nucleo familiare, soprattutto nella sfera della cronicità e delle disabilità complesse; l’altro  di dare ampia disposizione a quella che ormai viene considerata l’evoluzione dell’infermiere di famiglia, che oggi assume i canoni di infermiere di comunità. “L’infermiere di comunità opera in uno scenario allargato, ad ampio spettro, con la propria missione legata all’idea che la salute del singolo passa attraverso la salute della comunità. In tale contesto, nell’ambito formativo, saranno approfonditi i principi di benessere psicofisico e lo sviluppo di conoscenze peculiari e di gestione della comunicazione e della consulenza strategica, rendendo così, tale figura, in grado di erogare interventi specifici di assistenza alle comunità, di identificare ed analizzare lo stato di salute ed i bisogni dell’individuo in relazione alla famiglia e alla comunità in cui è inserito, intervenendo sulle priorità e sui fattori di rischio, promuovendo e supervisionando le iniziative orientate alla prevenzione e protezione di distintivi ambienti comunitari”. Ulteriore motivo d’interesse è che il Master è accreditato e convenzionato con l’Inps (gestione Dipendenti Pubblici) che, con altrettante borse di studio, finanzia 5 quote di iscrizione.

Per stare meglio tutti.

Dardo

 

Di Dardo

Potrebbe Interessarti

Toma: “Governo pensa a norma anti Molise. Sarebbe gravissimo”

Dopo che lo stesso Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha stralciato dal “decreto emergenze” l’articolo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*