Home / Politica / Sport, scuola e turismo, bando da 10 milioni di euro

Sport, scuola e turismo, bando da 10 milioni di euro

Sport, scuola e turismo: è stato pubblicato oggi il bando finanziato con le risorse del Patto per il Molise. A disposizione ci sono 10 milioni di euro a valere sul Fondo sviluppo e coesione 2014-2020. Lo comunica il presidente della Regione, Paolo di Laura Frattura, assieme all’assessore alle Infrastrutture, Pierpaolo Nagni, e al consigliere delegato Carmelo Parpiglia.

“Con questo intervento, – evidenziano –, sport e discipline motorio-ricreative si fanno elemento di attrazione per il nostro Molise. Nello sport troviamo i valori combinati che favoriscono lo sviluppo congiunto di una serie di attività che vanno dalle politiche socio-sanitarie, a quelle educative, formative, culturali e ambientali, comprese quelle di interesse turistico”.

Per Frattura “grazie all’importante stanziamento che abbiamo assicurato nel Patto per il Molise, qualifichiamo l’offerta dell’impiantistica sportiva molisana. L’obiettivo è rendere le strutture che verranno realizzate, soprattutto in termini di completamento delle opere mai entrate in funzione, punti di riferimento per il mondo dello sport e del turismo, della scuola e per altri fruitori, gruppi sportivi e persone affette da disabilità. Come per gli edifici scolastici, anche qui la logica prioritaria mira a creare poli integrati intercomunali”.

“In questa maniera – aggiungono Nagni e Parpiglia –, favoriamo processi di condivisione e partecipazione, condizioni fondamentali per vivere bene nei nostri comuni”.

Sono previste due tipologie di interventi: i complessi sportivi multifunzionali (8 milioni di euro la dotazione complessiva, di cui 5,6 mln destinati alla Provincia di Campobasso e 2,4 mln alla Provincia di Isernia) e gli impianti sportivi (il finanziamento ammonta a 2 milioni di euro: 1,4 mln per la Provincia di Campobasso e 600 mila euro per quella di Isernia).

Per i complessi sportivi multifunzionali l’importo massimo del finanziamento pubblico per singola iniziativa è di 600 mila euro, per gli impianti sportivi non potrà superare gli 80 mila.

“Saranno premiati i progetti che valorizzeranno il contesto in cui si inseriscono, l’integrazione con interventi nell’ambito del turismo, le politiche sanitarie, educative, formative, culturali e ambientali”, precisano il presidente Frattura, l’assessore Nagni e il consigliere Parpiglia.

Saranno finanziati gli interventi finalizzati a:

– realizzazione di nuovi impianti sportivi e/o complessi sportivi multifunzionali;

– messa a norma e/o abbattimento delle barriere architettoniche in impianti esistenti;

– riconversione, completamento, recupero, ristrutturazione, messa in sicurezza, riqualificazione, ammodernamento e ampliamento di impianti esistenti;

– adeguamento tecnologico e di contenimento dei consumi energetici;

– manutenzione straordinaria di impianti esistenti;

– adeguamento ai fini della certificazione dell’idoneità dell’impianto allo svolgimento dell’attività sportiva;

– infrastrutture informatiche e telematiche innovative a supporto;

– acquisto di attrezzature sportive.

Il completamento di impianti già realizzati ma non funzionati costituirà elemento di priorità ai fini della valutazione del progetto.

Il bando è rivolto ai Comuni, in forma singola associata, alle Unioni di Comuni, ai Comuni nell’ambito delle Aree interne e/o Aree urbane e alle Province. Ciascun ente locale potrà candidare un unico intervento. Entro 60 giorni, da oggi, martedì 6 giugno, la presentazione delle candidature.

L’avviso pubblico è consultabile sul sito ufficiale della Regione Molise (www.regione.molise.it) alla sezione Avvisi Bandi Selezione e sull’edizione straordinaria dell’ultimo Bollettino ufficiale.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Romagnuolo: “San Stefar, assurda situazione”

“Chiedo che si faccia immediatamente piena luce su una vicenda che, secondo il mio punto …

Un Commento

  1. Vorrei sapere se si pensa di inserire, in questo ipotetico programma, la costruzione di un nuovo impianto natatorio nel capoluogo di regione. E’ semplicemente una vergogna non aver mai voluto porre mano al problema!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*