Home / Territorio / Segnale Rai in Basso Molise: “niente canali niente canone”, il senatore Ruta presenta un’interrogazione urgente

Segnale Rai in Basso Molise: “niente canali niente canone”, il senatore Ruta presenta un’interrogazione urgente

“Legittima  la pretesa dei cittadini di poter usufruire del servizio pubblico generale  radiotelevisivo”. Lo ha dichiarato il senatore del Pd Roberto Ruta dopo nei comuni che lungo la costa le frequenze del canale Rai risultano essere nuovamente distrurbate. Per Ruta quindi se come lo Stato chiede il pagamento del canone Rai, riscuotendolo  tramite aggravio della bolletta energetica (misura antievasione) occore che i cittadini possano beneficiare del servizio “altrimenti e doverosamente vanno restituite le somme già versate per il canone  Rai. A seguito dell’interrogazione che avevo presentato, era stata ripristinata da parte del Mise in collaborazione con la Rai, la  corretta ricezione del segnale Rai in basso Molise; tuttavia la normalità è durata solo alcuni giorni.  Così, dopo una immediata denuncia al Mise ed alla Rai, sono stato informato che  ancora una volta emittenti private utilizzano quelle frequenze del canale 39, provocando nuovamente il disturbo al segnale dei tre canali Rai, come evidenziatomi dalle tante segnalazioni di cittadini residenti in basso Molise. Pertanto, ho presentato interrogazione urgente al Ministro dello sviluppo economico per segnalare la nuova interruzione del Servizio pubblico radiotelevisivo nei comuni del Basso Molise, per sollecitare un immediato intervento al fine di ripristinare la piena fruibilità e in modo definitivo del segnale Rai, consentendo ai cittadini residenti in quei comuni di poter finalmente usufruire in modo continuativo della visione integrale dei canali Rai.  Ho chiesto infine di valutare se provvedere alla doverosa  restituzione,  integrale o parziale, dell’importo del canone Rai già pagato dai cittadini dei comuni che da mesi non ricevono la prestazione da parte del servizio  pubblico”.

 

 

 

Di Virginia Romano

Potrebbe Interessarti

L’Unimol in prima linea per la campagna di scavi

E’ terminata da pochi giorni una nuova campagna di scavi e ricerche nella Grotta di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*