Home / Politica / Salva l’amministrazione comunale di Bojano

Salva l’amministrazione comunale di Bojano

La città di Bojano può tirare un sospiro di sollievo per il bilancio di previsione passato, per un solo voto, in Consiglio comunale.   7 voti a favore e 6 contrari. A sfavore hanno votato i tre dissidenti del gruppo Di Biase (Perrella, Zuccarino e Scinocca) e tre consiglieri di opposizione. Il voto decisivo, per l’approvazione del bilancio, è stato quello del consigliere di opposizione Carlo Perrella. In apertura del dibattito aveva chiaramente detto che qualora il sindaco avesse proceduto all’azzeramento della Giunta comunale e alla dichiarazione di volere costituire una maggioranza larga per il bene della città senza indicazione di parti politiche, il suo voto sarebbe stato positivo. Questo, perché il bilancio è tecnico essendo stato approvato dal commissario ad acta della Prefettura. E, ancora, perché Bojano non potrebbe reggere il peso di un lungo commissariamento che, tra l’altro, porterebbe all’innalzamento di tutti i tributi locali al livello massimo. Il sindaco, Marco Di Biase, ha preso atto della dichiarazione e, nel suo intervento, ha ribadito la volontà dell’azzeramento della Giunta e sottolineando che, trattandosi di una lista civica, l’apertura è massima. Così, il bilancio di previsione è passato, anche se la tensione politica continua a restare alta in attesa dei prossimi giorni. Per l’assessore al bilancio, Donato Toma, “il consigliere Carlo Perrella è stato protagonista di un’operazione eticamente corretta. Il suo non è stato un voto d’aiuto, né è giusto considerarlo una stampella della maggioranza. La sua preferenza è stata dettata dalla maturità politica e, tra l’altro, ha anche motivato il suo ‘sì’ al bilancio di previsione. Ha ribadito che la lista del sindaco Marco Di Biase è aperta a chi vuole lavorare per il bene di Bojano e, in quanto tale, ha preferito evitare alla città un anno di commissariamento, che avrebbe condotto l’ente a una situazione poco piacevole, a discapito dei cittadini”. Si è parlato di un’operazione verità sul Bilancio del Comune che presenta non poche criticità che vengono dal passato. A partire dal forte indebitamento del Comune e la cui capacità di nuovi mutui si è ridotta del 75%. Così, come del riconoscimento di debiti fuori bilancio per qualcosa come 500mila euro e un monte residui troppo alto. Il bilancio tecnico così come redatto dalla prefettura serve solo a garantire l’ordinaria amministrazione ma, al momento, buona per scongiurare l’arrivo del commissario prefettizio che bloccherebbe il comune per un anno. La parola, ora, passa alla politica per la composizione della nuova Giunta

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Berlusconi: “Il centrodestra può governare il Molise”

“Abile oratore, ma assolutamente non adatto a governare il Molise. Sono rimasto in campo ancora …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*