Home / Politica / Roba da Bollettino di sottosviluppo infrastrutturale

Roba da Bollettino di sottosviluppo infrastrutturale

di Giuseppe Saluppo

Una situazione disastrosa quella delle strade molisane. Per carità di patria ometto da questo bollettino di sottosviluppo infrastrutturale le voci che riguardano interruzioni e disagi sulle strade provinciali. A oggi,  a fronteggiare questa disastrosa situazione abbiamo solo annunci e chiacchiere. Intenzioni, promesse, slogan ma nessuno operaio, nessun escavatore. Considerando che la parte peggiore di un lunghissimo inverno sembra essere alle spalle non si fa fatica ad immaginare che di chiacchiere dovremo accontentarci fino, si spera, almeno alla prossima estate. Eppure, la mobilità, la possibilità di potersi spostare in sicurezza e con tempi ragionevoli è un presupposto fondamentale per poter esprimere compiutamente un’esistenza dignitosa. Chissà se chi ha l’onere di governare si rende conto di cosa significa andare ogni giorno a lavorare e sacrificare altre ore, sottrarle ai propri interessi ed affetti, perché la strada è chiusa e tocca fare tornanti e mulattiere. Chissà se chi governa ed amministra la Regione si rende conto che la vita delle persone, in caso di emergenze sanitarie, è appesa letteralmente ad un filo fatto di minuti. Una manciata di minuti di ritardo e arrivare in ospedale potrebbe anche rivelarsi inutile. Chissà se chi dovrebbe non dormire la notte per intervenire immediatamente si rende conto del supplizio degli studenti shakerati sulle corriere per andare e tornare da scuole ed università. Domande retoriche. Come le risposte. Quello che abbiamo, al momento, sono chiacchiere. Il cittadino molisano è assediato, circondato. Dalla crisi occupazionale, da un sistema sanitario avvitato su sé stesso, da speculatori di ogni risma che attentano al paesaggio. E non può neanche scappare perché il viaggio non vale la candela. I cittadini molisani sono ostaggio di una classe politica inconcludente.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Patriciello: “I giovani, ossatura dell’Europa”

“Il futuro dell’Europa è proprio qui, oggi, in questa sala, quel futuro ha il vostro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*