Home / Politica / Precari sisma: “Ora si ravveda la Regione”

Precari sisma: “Ora si ravveda la Regione”

“Desideriamo ringraziare ed esprimere il nostro apprezzamento per quanto fatto ed ottenuto in sede parlamentare dall’onorevole Laura Venittelli. Il risultato conseguito, citiamo il suo comunicato stampa del 24 marzo 2017: Con il voto di ieri, la Camera  impegna Palazzo Chigi a intervenire con misure immediate per garantire l’impiego dei lavoratori,  formati ed esperti, della Protezione civile del Molise nell’Agenzia regionale per la Ricostruzione,  in luogo di bandire nuove selezioni di personale” è la dimostrazione pratica che quando ci si impegna a risolvere un problema i risultati arrivano, aldilà di qualsiasi polemica politica o del fuoco amico, teso, forse, solo a nascondere superficialità, arroganza, mancanza d’iniziativa e, nel peggiore dei casi, cattiva volontà”. Lo scrive il coordinamento Precari sisma. “Con la speranza che tutte le istituzioni preposte all’esecuzione, nonché al controllo degli atti amministrativi, tengano nella giusta considerazione questa novità. Tornando al nostro problema, noi non sappiamo che seguito possa avere tale svolta, ci auguriamo solo che ci sia, positiva e celere, poiché i tempi sono stretti e, se vogliamo, anche per non dare ragione alle solite malelingue… Quello che tiene in piedi gli uomini è la speranza di un futuro migliore, tentare di cambiare le cose, quindi alimentare tale speranza, non è mai una cosa negativa…. comunque vada. Cogliamo l’occasione per ringraziare anche il Senatore Ruta, il Gruppo di Centrodestra in Consiglio Regionale, i Consiglieri Regionali di Centrosinistra che hanno fatto udire a loro voce, la Fp CGIL, insieme a tutti coloro che hanno sostenuto la nostra causa in questi giorni. A tutti voi, che siete garanti delle istituzioni,  va il nostro appello poiché sicuramente questo è il momento della verità: a nostro avviso, con il nuovo concorso, si sta consumando una delle più grandi ingiustizie della storia della nostra Regione. Non ci abbandonate, combattete questa giusta battaglia per noi ed insieme a noi, perseverate, fate sentire forte, tutti i giorni e in tutte le sedi, il vostro dissenso alla macelleria sociale in atto. Vi preghiamo di superare gli schemi politici e fare fronte comune contro un sistema, che sapete bene, appare essere becero e meschino e perché questa, lo sanno tutti, è una giusta causa.         Fatelo, fatelo per noi e per tutti i precari di questa martoriata Regione”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Cotugno: “Riconsiderare le strade della Provincia di Isernia”

Il Presidente del Consiglio regionale del Molise, Vincenzo Cotugno, in una lettera indirizzata al presidente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*