Home / Territorio / Parco letterario Jovine, perso il treno

Parco letterario Jovine, perso il treno

di Giuseppe Saluppo

4 Carrozze Corbellini e una carrozza bagagliaio con gruppo elettrogeno avrebbero dovuto trasportare i turisti in Molise tra le pagine dei libri di Francesco Jovine per avvolgerli nel territorio. Facevano parte del bagaglio culturale-turistico-imprenditoriale del  Parco letterario “Francesco Jovine”. E’ stato vivo per qualche anno, poi si è piegato su se stesso. Nel 2004 la Provincia di Campobasso acquistò i mezzi ferroviari che nel 2009, dopo essere stati conservati nel deposito della stazione, sono stati portati a Pistoia per adornare il locale Museo ferroviario.  Certamente perché tramontò l’era dei finanziamenti e la voglia di ideare. Ridotto a qualche conferenza, e a qualche illustrazione dei paesaggi dell’anima. Forse, perché, il turismo culturale è un fiore che vive con grandi difficoltà e muore al primo gelo. Sta di fatto che il Parco Jovine, dopo avere languito miserevolmente, è morto. E, domenica prossima, mentre in tutta Italia ci sarà la festa dei Parchi letterari, con una serie di manifestazioni, nel nostro territorio potremmo festeggiare il Parco della Memoria.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Anno accademico rinviato, l’ora delle polemiche

In queste ore, polemiche ci sono per il secondo annullamento dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’università del …

2 commenti

  1. Annamaria Palmieri

    In Molise abbiamo la capacità di far morire tutto, di non dare durevolezza a nulla, e questo perché? Perché non si ama la propria terra! C’è solo da vergognarsi.

  2. Alberto Mastrocola

    A dire il vero, il Molise ha perso il treno del buon senso, del rimboccarsi le maniche per far crescere la propria terra, dell’essere solidali fra corregionali per raggiungere obiettivi comuni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*