Home / Politica /  “Il Parco dell’Olivo e il Museo Winterline di Venafro torneranno nella sede storica di Palazzo De Utris”

 “Il Parco dell’Olivo e il Museo Winterline di Venafro torneranno nella sede storica di Palazzo De Utris”

Ad annunciarlo il presidente del Consiglio regionale, Vincenzo Cotugno, dopo il vertice di stamani con il sindaco di Venafro, Antonio Sorbo, il presidente del Parco, Emilio Pesino, e il responsabile del Museo Winterline, Luciano Bucci.  Il Presidente Cotugno, che da tempo stava lavorando ad una risoluzione definitiva della vicenda, questa mattina ha comunicato la proposta, accettata da tutti i partecipanti, di destinare l’intero Palazzo De Utris al Parco dell’Olivo e al Museo, aprendo alla possibilità anche ad altre associazioni culturali di usufruire dello stabile nel centro storico di Venafro.

Alla soluzione trovata dal presidente Cotugno hanno contribuito gli incontri avuti con il commissario dello Iacp, dott. Lembo, che fin dal mese di gennaio aveva dato la massima disponibilità per risolvere definitivamente la vicenda tanto a cuore all’intero territorio venafrano.

Grazie alla sensibilità del Commissario Lembo e del Presidente Frattura siamo riusciti ad ottenere una soluzione definitiva per il Parco e il Museo di Venafro” afferma soddisfatto il Presidente Cotugno “in questa maniera si è riusciti a risolvere una vicenda che durava da mesi e che aveva messo a rischio la permanenza a Venafro del Museo Winterline e dello stesso Parco dell’Olivo. E’ la testimonianza di come con il dialogo e con le buone pratiche si arrivi sempre a delle soluzioni positive” sottolinea il presidente Cotugno, che in tutte queste settimane si era tenuto lontano dalle polemiche, lavorando ad una soluzione che potesse soddisfare tutti.  “Quest’oggi c’è stata una piena condivisione istituzionale alla soluzione di una problematica non solo del territorio venafrano ma anche dell’intera regione, stante la valenza regionale ed oltre sia del Parco dell’Olivo che dello stesso Museo Winterline. Contemporaneamente, cosi come condiviso anche dal sindaco Sorbo, riusciremo a rivalorizzare anche l’intero centro storico venafrano, con due siti importanti che hanno l’obiettivo di salvaguardare e promuovere a livello turistico la nostra regione. Risolta questa vicenda” ha rassicurato Cotugno “a breve anche lo sblocco delle annualità 2015 e 2016, affinché, saldati i debiti pregressi, si guardi con estrema fiducia alla programmazione futura”.  Nello stesso incontro il Presidente Cotugno ha annunciato l’impegno di salvaguardare anche la sede dell’Arsarp, che potrebbe essere allocata anch’essa nei locali di Palazzo De Utris. Al termine della riunione soddisfatti il presidente del Parco, Pesino, del Museo, Bucci, e il sindaco Sorbo che da tempo avevano sollecitato una soluzione definitiva per due Enti strategici del territorio venafrano.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Toma: “Sostegno all’internazionalizzazione delle imprese”

Missione economica plurisettoriale in Albania, a Tirana, dal 9 luglio all’11 luglio 2018, guidata dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*