Home / Politica / Il Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici sta diventando un caso alla Sherlock Holmes
Overview of business people discussing diagrams

Il Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici sta diventando un caso alla Sherlock Holmes

 

Nella determinazione 91 della direttrice del Primo dipartimento regionale Mariolga Mogavero abbiamo letto di nuovo che, con la deliberazione 354 del 14 luglio 2016, l’esecutivo regionale ha disposto di nominare la dottoressa Marilina Di Domenico quale direttore del Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici; la dottoressa Lucia Murgolo e la dottoressa  Valentina Tagliaferri componenti. Con la stessa determinazione, la Mogavero ha ravvisato  la necessità di disporre in favore del Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici della Regione Molise, il pagamento dell’importo lordo pari 13.161,80 euro comprensivo di tutti gli oneri riflessi e l’Irap, a titolo di compenso relativo al mese di ottobre 2016, imputando l’onere sul capitolo 12545 esercizio 2016 giusto impegno 590 del 17 marzo 2016. Su queste premesse, in favore del Nucleo, ha poi disposto il pagamento dell’importo lordo mensile e di liquidare  il pagamento delle quote ai componenti, così di seguito specificate: 6666,60 euro relativo al compenso di Marilina Di Domenico, e 3.750 euro relativo al compenso di Valentina Tagliaferri. Rieccola la Mogavero, e riecco la stranezza che abbiamo già avuto modo di mettere in risalto in altra occasione,  e cioè, che mentre si dice che il Nucleo è formato da Di Domenico, Murgolo e Tagliaferri, quando si passa alla liquidazione mensile dei compensi la Murgolo scompare. Per poi ritrovarla successivamente, a parte, come è successo con  la liquidazione dei mesi di agosto e settembre scorsi. Compare sì, ma l’atto con cui viene ristorata di ciò che le si deve, non è reso accessibile. E chi avesse l’uzzolo di conoscere l’entità del compenso mensile e del perché il suo trattamento economico non venga saldato insieme alla altre due componenti il Nucleo, ma fatto oggetto di un provvedimento separato e inaccessibile, sarebbe costretto a recarsi alla segreteria della giunta regionale in Via Genova,  in altri termini dalla Mogavero che, oltre ad essere responsabile del Primo dipartimento e segretaria della giunta, è anche capo di Gabinetto del presidente Frattura: un accrocco di poteri senza precedenti che, come nel caso che stiamo trattando, si risolvono, quei poteri, spesso nella negazione del diritto del cittadino di prendere visione integrale degli atti amministrativi.

Cosa abbia di segreto la Murgolo e il perché, sta  diventando un motivo serio di mancata trasparenza e, quindi, un preciso addebito al responsabile regionale che deve sorvegliare su casi del genere e fornire  una spiegazione. Diversamente, si ha il sospetto che ci sia un circolo vizioso di carattere gestionale che mette al riparo dalla curiosità della gente ciò che gli amministratori di Palazzo Vitale  e i direttori di dipartimento ritengono sia opportuno non si sappia, in barba alla legge sulla trasparenza e la legalità. Non si può impunemente scrivere in determina che il Nucleo è formato da tre persone, delle quali due vengono mensilmente ristorate, e la terza scompare.  Per ritrovarla successivamente  in un altro provvedimento direttoriale inaccessibile, se non al prezzo di una passeggiata in Via Genova, sottoporsi ai procedimenti identificativi da parte della sorveglianza, attendere il  via libera dalla segreteria, sopportare una estenuante anticamera e disporsi a dichiarare il motivo, e per quale specifico interesse, si vuole sapere perché la Murgolo venga pagata a parte, l’entità dell’importo, ed eventualmente la natura del rapporto contrattuale. La Regione del Molise di tutti, della nuova frontiera morale, della nuova genia politica e della partecipazione popolare è un terribile bluff.

Dardo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di Dardo

Potrebbe Interessarti

Romagnuolo: “San Stefar, assurda situazione”

“Chiedo che si faccia immediatamente piena luce su una vicenda che, secondo il mio punto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*