Home / Politica / Niro: “Va corretta la deriva non democratica del sistema”

Niro: “Va corretta la deriva non democratica del sistema”

“Non è pensabile che il Consiglio regionale veda l’esautoramento totale delle sue funzioni con l’approvazione del Programma operativo della sanità all’interno della manovrina finanziaria così come dettata dal Governo”. Lo scrive, il consigliere regionale Vincenzo Niro. “Si tratta della fine dell’autonomia funzionale della Regione e, soprattutto, della potestà legislativa e programmatica che fa capo al Consiglio regionale. Una sola persona, a questo punto, il commissario ad acta Paolo Frattura, avrà nelle sue mani l’intero potere di gestione della macchina sanità. Potrà fare quello che vuole senza che nessuno potrà essere nelle condizioni di correggerne le storture procedurali o bloccarle. E’ il sistema istituzionale – aggiunge Niro – che dà ampi poteri, a un presidente della Giunta, a generare situazioni scarsamente democratiche. Proporrò la modifica allo Statuto perché il presidente della giunta regionale torni ad essere eletto dal Consiglio regionale al pari della sua sfiducia senza che si ritorni al voto anticipatamente. La deriva su una sola persona mette a rischio proprio i processi democratici e la stessa elaborazione in Consiglio delle leggi”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Toma: “Infrastrutture, ora possiamo procedere. Sbloccati i fondi”

Infrastrutture, ora qualcosa sembra muoversi. E’ diventato operativo, infatti, il piano sviluppo e coesione 2014-2020, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*