Home / Lavoro / “Il Molise al tramonto”: le amare considerazioni del segretario generale della UilTucs Pasquale Guarracino

“Il Molise al tramonto”: le amare considerazioni del segretario generale della UilTucs Pasquale Guarracino

L’immagine circolata nella giornata di ieri – quella di un lavoratore che, munito di vernice bianca, cancella 49 anni di storia molisana (tanto è durato lo Zuccherificio del Molise) – è l’emblema, purtroppo della stagione che stiamo vivendo. Il tramonto dello Zuccherificio del Molise è il tramonto di una regione intera, che, giorno dopo giorno, vede crollare le aziende che l’hanno contraddistinta per decenni. Senza voler star qui a fare l’elenco degli ormai ex pilastri dell’economia regionale, e senza voler esentare da responsabilità tutti coloro che hanno preceduto l’attuale governo regionale, Pasquale Guarracino,  Segretario Generale della UILTuCS Molise, non può non esternare le amare considerazioni e le domande fatte in seguito all’aggiudicazione all’asta dei beni dell’ex Zuccherificio del Molise. In particolare: come è stato rispettato il programma elettorale che ciascun consigliere regionale, soprattutto i membri della Giunta, hanno presentato ai cittadini per giungere al voto?   Cosa è stato fatto, oltre a blandi palliativi, per le centinaia di famiglie rimaste senza lavoro e senza reddito?  Perchè non si è riuscita a salvare nessuna delle aziende cardine dell’economia molisana?

Tutti d’accordo sui  limiti imposti dalla legge all’azione della politica in campo imprenditoriale, ma, a fronte del disastro occupazionale che si stava materializzando, a seguito della chiusura di GAM, ITTIERRE, e ZUCCHERIFICIO non era doveroso mettere in piedi alternative che consentissero il reimpiego di tutti i lavoratori fuoriusciti da queste aziende, pur chiedendo deroghe alla normativa?  Ed invece, celandosi dietro procedimenti e procedure, la Giunta ha consentito che il disastro occupazionale diventasse una triste realtà.  Ed allora, oggi, non si può e non si deve scappare dalle responsabilità che questo governo regionale ha: servono sia una presa di coscienza del fallimento generato, sia uno scatto di orgoglio –  giunti al tramonto della legislatura – per tentare di non aggravare ulteriormente una situazione arrivata ormai al limite.

L’appello al Presidente della Regione ed alla Giunta tutta è quello di cercare di salvare il salvabile, per evitare, almeno sul finale, di essere ricordati soltanto come la peggiore classe politica della storia molisana, che nulla ha creato, ma tutto ha distrutto.

 

 

 

Di Virginia Romano

Potrebbe Interessarti

“Campobasso, addio alla città giardino”

“Molte polemiche ha destato in questi giorni l’abbattimento di 3 pini secolari in piazza Falcone …

Un Commento

  1. Sottoscrivo al 200% ogni singola parola. Questa regione non ama investire, non ha inventiva, non ha la capacita’ di rimettersi in discussione. Per aver detto la mia, seppure in modo cordiale, mi sono ritrovata a fare dichiarazioni in un commissariato dei Carabinieri. Pensate a che livello si e’ arrivati! Cari signori, ricordatevi questo e stampatevelo bene nella mente: si puo’ distruggere il fisico di una persona, ma le idee MAI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*