Home / Politica / Il Pd molisano prova a rilanciarsi

Il Pd molisano prova a rilanciarsi

Sarà un comitato a garantire provvisoriamente la gestione del Partito democratico in Molise dopo le dimissioni della segretaria Micaela Fanelli. Questo, in attesa del congresso per la rielezione del segretario regionale. E’ stata la stessa Micaela Fanelli a sottolineare, nella sua relazione di apertura dei lavori assembleari, il disastro elettorale nelle Politiche e nelle regionali. Ma anche un momento per ricucire le diverse anime del Partito sul territorio regionale dopo le rotture riscontrate negli ultimi anni. Un’assemblea per riflettere e vedere il da farsi per rilanciare il centrosinistra in Molise. “La responsabilità delle sconfitte elettorali è principalmente la mia – ha detto la dimissionaria segretaria regionale, Micaela Fanelli – e no dobbiamo nasconderci dietro un dito nell’analisi dei risultati maturati in Molise. Abbiamo perso il contatto con i cittadini, con i territori – ha aggiunto Fanelli – e l’elettore si è astenuto oppure ha scelto altri partiti. Come non hanno giovato le forti e, spesso, inutili contrapposizioni interne che hanno finito con lo snaturare la stessa essenza del Partito Democratico. Oggi siamo all’opposizione in Molise e da qui dobbiamo ripartire per costruire un’alternativa di centrosinistra dinanzi alle derive del governo nazionale, di marca leghista, e alle politiche che si hanno in base regionale. Dobbiamo recuperare quella politica della solidarietà, della coesione per rilanciare i nostri territori. Su questo il Pd molisano dovrà lavorare”.

 

 

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

“Gam, il rischio è alle porte”

“La retrocessione dei lavoratori da GAM a Solagrital  sancirebbe, oltre alla fine del rilancio della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*