Home / Politica / Giovani senza lavoro e con la valigia

Giovani senza lavoro e con la valigia

di Giuseppe Saluppo

Se non c’è crescita non c’è lavoro. E non ci può essere un progetto di vita per i nostri giovani che non hanno un’occupazione. E tantomeno per quei ragazzi che le statistiche definiscono i Neet (not in employment, education o training), che non studiano, non lavorano e non hanno speranze. Non sono pochi. Stanno diventando tanti. Per aiutare questi ragazzi a costruire un progetto di vita, bisogna rimettere in moto la macchina dell’economia. Offrire loro delle opportunità. Non è facile, ma è doveroso provarci per non ghigliottinare una generazione e condannare al declino l’intero Molise. I nostri giovani sono condannati a fare una scelta impossibile. Restare senza prospettive di affermazione, crescita, meritocrazia e senza un futuro migliore oppure andarsene per cercare tutto questo con la speranza di riuscirci  però lasciando le proprie radici, la propria terra la propria storia. Questa è la scelta che poniamo di fronte ai nostri ragazzi. Cultura e Formazione da sempre sono gli occhiali con cui si riescono ad interpretare e a comprendere le informazioni e i dati che ci circondano. La follia distruttiva è quella per cui un genitore non manderebbe mai i propri figli con problemi alla vista in giro senza gli occhiali però sembra normale che la politica non si preoccupi della cultura e della formazione dei propri cittadini.. E, quello che spaventa maggiormente, è che il Molise è la Regione che presenta il più alto tasso di emigrazione dei giovani presi in carico (10,25%). Che desolazione!

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Berlusconi: “Il centrodestra può governare il Molise”

“Abile oratore, ma assolutamente non adatto a governare il Molise. Sono rimasto in campo ancora …

Un Commento

  1. E’ una desolazione si. Il contesto non incoraggia perché non è meritocratico e lungimirante, ma è altrettanto vero che in tanti non ci provano neanche a rimanere, a produrre idee vincenti partendo dalle nostre peculiarità, a creare sinergie per creare ricchezza e far conoscere il Molise fuori confine. L’unica forma di imprenditoria che ho visto -in particolare a Campobasso- e’ la creazione spropositata di bar, pizzerie, ristoranti, pub. In alternativa, negozi di abbigliamento. Molto scarno a livello concettuale ed imprenditoriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*