Home / Politica / Garanzia Giovani, nuovi fondi. Boccardo: “La Regione ascolti il sindacato”

Garanzia Giovani, nuovi fondi. Boccardo: “La Regione ascolti il sindacato”

In arrivo in Molise 6.317.286 euro per finanziare la continuazione di Garanzia Giovani. Dei quali 3.693.502 euro per finanziare azioni di sostegno all’occupazione giovanile rivolte a tutti i giovani, fino a 29 anni; mentre 2.623.784 euro per rifinanziare le azioni (presa in carico, orientamento, formazione, apprendistato, servizio civile, tirocini, ecc.), rivolte ai giovani cosiddetti NEET fino a 29 anni. Ovvero, a quanti  non impegnati nello studio, né nel lavoro né nella formazione.

“Ora, il Sindacato va subito ascoltato e coinvolto nella programmazione, non tagliato fuori o ascoltato frettolosamente come avvenuto in passato: anche le prassi europee lo richiedono”. A dirlo, è la segretaria regionale della Uil, Tecla Boccardo che sottolinea come ci sia la necessità  che nemmeno  un euro può andare sprecato, occorre cogliere questa opportunità per contribuire a costruire una prospettiva ai nostri ragazzi. Soprattutto ai cosiddetti NEET: i giovani tra i 15 e i 29 anni che non sono iscritti a scuola né all’università, che non lavorano e che nemmeno seguono corsi di formazione o aggiornamento professionale.” Per la segretaria della Uil,  con le risorse a disposizione,  bisogna ottenere risultati migliori rispetto agli anni passati.  “Noi – aggiunge – pensiamo serva un cambio di passo nella strategia delle azioni di Garanzia Giovani. Per questo aspettiamo al varco coloro che saranno chiamati a gestire la Regione – chiude Tecla Boccardo – che, in qualità di Autorità Intermedia di Gestione, è titolare della programmazione e dell’utilizzo delle risorse assegnate.”

 

 

 

 

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

A due mesi  dal risultato elettorale è più che legittimo attendere un segnale concreto di cambiamento a Palazzo Vitale passando delle parole ai fatti

In missione a Roma e a Bruxelles per conoscere e farsi conoscere, ma soprattutto per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*