Home / Politica / Fusco Perrella: “Il centrodestra vera forza per rilanciare il Molise”

Fusco Perrella: “Il centrodestra vera forza per rilanciare il Molise”

“Ho lavorato e sto continuando a lavorare per la piena unità del centrodestra. Così, come in tutti questi anni in Consiglio regionale la mia opposizione all’esperienza negativa del governo Frattura, conferma la volontà piena di andare avanti su questa strada”. Non usa mezzi termini, il consigliere regionale, Angela Fusco Perrella, nel rilanciare la necessità di un cambio di passo del Molise e che solo un centrodestra coeso sul programma può assicurare. “Non c’è alcun dubbio – aggiunge il consigliere Fusco – che un periodo buio della storia della Regione va a chiudersi ed è quello rappresentato dal governo Frattura. Ecco, perché, ho lavorato perché si potesse giungere ad una sintesi politica di unitarietà per le elezioni Politiche. Una squadra di centrodestra capace di rappresentare il Molise e di difenderne le sue ragioni di esistenza autonoma. Ora, la stessa cosa va fatta per le prossime elezioni regionali proprio per assicurare al Molise un governo di centrodestra capace di rilanciare azioni e programmi per dare al territorio fiducia e possibilità di crescita. E’ questo – chiude il consigliere Angela Fusco Perrella – il mio impegno che contraddistingue l’operato nel centrodestra in tutti questi anni”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Ramundo, cosa fai?

Oggi è stato consegnato alle famiglie interessate dalla raccolta differenziata, a mezzo posta, un opuscolo …

2 commenti

  1. Augusto Domenighini

    Ma quale centro-destra? Quello che ha governato fino a qualche anno fa? Dobbiamo ridere per non piangere? Che i molisani, così come gli italiani, NON ABBIANO LA MEMORIA CORTA, che si ricordino di quanti disastri aziendali ci sono stati in passato, di quanta gente sia emigrata, di quanto abbia sofferto il comparto trasporti, di come siano state trascurate le strade.
    Far finta di non ricordare porterà la regione ad una situazione ancor peggiore di quella attuale.

  2. Ci fossero state altre facce, avremmo potuto discuterne (e questo sia in ambito locale che nazionale), ma purtroppo la minestra è sempre quella, dunque far finta di non ricordare dopo anni di malgoverno significherebbe buttarsi la zappa sui piedi ed infierire su una piaga già tanto lacerata. Recuperiamo la memoria, cittadini molisani ed italiani, e vogliamoci un po’ di bene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*